Android 10

Google obbligherà i produttori ad installare Android 10 dal 2020

La frammentazione di Android, è purtroppo ancora oggi uno dei problemi principali del sistema operativo di Google. Continuano ad esistere utenti che posseggono sistemi ancora dotati di versioni vecchie, come 4.4 KitKat. Nonostante gli sforzi dell’azienda, il problema rimane non completamente risolto, la casa quindi sta provando altri modi per tentare di porvi fine.

Google le tenta tutte contro la deframmentazione: obbliga ad installare Android 10 sui nuovi smartphone

Google sta infatti costringendo i produttori ad utilizzare Android 10 su tutti gli smartphone che verranno lanciati a partire da febbraio del prossimo anno. La certificazione della casa è qualcosa di molto importante per le aziende e la certificazione di un terminale, deve presentare una serie di condizioni. Tra questi, vi è quella di garantire un calendario di aggiornamenti per poter garantire i servizi di Mountain View e l’accesso alle sue app.

Google mette adesso in chiaro, attraverso un programma di lancio ufficiale, che gli smartphone con Android 9 Pie, ovvero la versione appena precedente all’attuale, potranno soltanto essere lanciati fino al 31 di gennaio. Il resto dei dispositivi, lanciati dall’ 1 febbraio 2020, avranno l’obbligo di installare la più recente versione del sistema operativo, quindi Android 10.

Android 10

In questo modo, Google potrà garantire che oltre il 90% degli smartphone che arriveranno nei negozi, durante il prossimo anno, disporrà di Android 10 come sistema operativo, con i rispettivi livelli di personalizzazione. Lo stesso programma di lancio, chiarisce inoltre che questo sarà l’ultimo mese in cui dispositivi dotati di Android Oreo saranno certificati.

C’è da ricordare tuttavia che solitamente la data di certificazione, non ha nulla a che fare con quella di vendita. È probabile quindi che diversi smartphone, ancora certificati con Android 9 prima del 31 gennaio del prossimo anno, saranno in vendita nei prossimi mesi, ma ciò dovrebbe avvenire soltanto con un numero limitato di dispositivi, che verrebbero lanciati anche nel primo trimestre del 2020.

Ovviamente, tutti i top di gamma delle principali case, come l’atteso Samsung Galaxy S11 o i nuovi modelli di Sony e LG, saranno tutti dotati dell’ultima versione di Android disponibile.