TSMC

TSMC annuncia ufficialmente lo sviluppo per il processo produttivo da 2nm

Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, vale a dire TSMC, ha recentemente rilasciato la sua nuova infrastruttura, per la progettazione e la realizzazione di nuovi chip con processo produttivo a 5nm. L’azienda adesso si spinge in avanti, annunciando il via alla ricerca e lo sviluppo del processo produttivo a 2nm, la cui produzione in massa è prevista per il 2024. Questo nuovo avanzamento, rappresenta una mossa per contrastare i progressi di Samsung.

TSMC prepara già la ricerca e lo sviluppo per la produzione dei chip da 2nm

TSMC attiverà anche un impianto di produzione da 3nm, secondo una dichiarazione di Zhuang Zishou, direttore della centrale elettrica di Taiji, il quale ha dichiarato che questo verrà messo in funzione nel 2021, per iniziare la produzione in serie nel 2022. Gli impianti per la produzione in massa da 2nm invece, saranno collocati ad Hsinchu cinque anni dopo e potranno vantare 7.000 talenti per la ricerca e sviluppo.

TSMC ritiene la nuova produzione a 2nm, un nodo vitale e grazie a ciò, è la prima azienda al mondo ad annunciare un processo produttivo dalle dimensioni così contenute. Questo porterà ad nuove vette di efficienza, sia prestazionale che termica, con la possibilità aggiunta di abbattere notevolmente i consumi dei nuovi SoC, aumentando al tempo stesso l’autonomia dei dispositivi.

TSMC

Separatamente, TSMC ha anche annunciato la preparazione dei test per i nuovi chip da 5nm, che dovrebbero essere prodotti in serie per il 2020. Ciò significa che i campioni ingegneristici di questi nuovi chipset, raggiungeranno i fornitori soltanto verso la metà o la fine del prossimo anno.

Il nuovo processo produttivo a 5nm, permette già di produrre chip del 45% più piccoli, migliorando le prestazioni di circa il 15%. Questi però potrebbero sostituire i chip da 7nm soltanto nel 2021.