Huawei

Huawei vuole rendere la sua Nano Memory uno standard industriale

Il nuovo standard per schede di memorie Huawei, ovvero le Nano Memory, sarà reso disponibile anche ad altre società, secondo quanto annunciato alla testata Android Authority dal CEO del settore consumer business group Richard Yu all’evento di lancio del P20, dichiarando di sperare di rendere le Nano Memory un nuovo standard industriale.

La Nano Memory di Huawei, sarà compatibile anche con dispositivi che supportano microSD, grazie ad adattatori

La Nano Memory, di cui Huawei detiene i brevetti, è una scheda memoria ben più piccola della microSD ed offre capacità di archiviazione simili. La scheda ha le stesse dimensioni di una nano SIM, il che la rende inseribile in uno degli slot del carrellino ibrido per SIM, brevettato dalla casa cinese.

Secondo il CEO Yu, soltanto Huawei allo stato attuale produce schede Nano Memory, mentre in futuro la produzione sarà portata avanti anche da altre case, specificando che tutti i produttori di SD potranno realizzare le Nano Memory e che la casa tutt’ora non ha ancora rilasciato royalty per la produzione in licenza ad altre case.

Huawei

Alla domanda se Huawei è già in trattativa con altri produttori per l’adozione della sua Nano Memory, il CEO ha risposto positivamente, smettendo però di rilasciare altri dettagli. Le prime schede di memoria facenti parte del nuovo standard della casa, offriranno velocità di trasferimento pari a 90MB/s e capacità di 128/256GB.

Nel frattempo, Huawei fornirà anche degli adattatori, per consentirne l’uso su dispositivi compatibili con lo standard microSD ed anche SD, facendo in modo di aumentarne la diffusione.

Non dovrebbe essere troppo difficoltoso per Huawei, convincere i produttori di schede di memoria, a realizzare e rilasciare le nuove Nano Memory. La competizione con gli OEM concorrenti tuttavia, potrebbe rivelarsi una sfida più ardua, nessuno infatti ha intenzione di dipendere da una tecnologia controllata da altri, anche per qualcosa di piccolo come le schede di memoria. Vedremo se la casa cinese riuscirà ad imporsi anche in questo settore!