OnePlus

OnePlus: una prima TV prodotta dall’azienda potrebbe arrivare nel 2019

Fra le notizie che parlano sempre più dell’imminente OnePlus 6T, ne emerge una nuova che riguarda l’espansione dell’azienda su un altro settore. L’azienda infatti, ha lasciato intendere che presto potrebbe addentrarsi in un nuovo percorso, diverso da quello degli smartphone, anticipando la sua volontà di avventurarsi nel settore delle smart TV.

OnePlus proverà ad espandersi nel settore delle TV a partire dall’anno prossimo

Nel 2019, la società ha intenzione di creare una divisione per le smart TV, guidata dal fondatore e CEO Pete Lau.

Secondo un post sul forum di OnePlus, l’azienda specifica di voler “portare l’ambiente domestico al prossimo livello di connettività intelligente”.  La prima OnePlus TV è attualmente in fase di sviluppo e debutterà nel 2019, adottando un design di punta, così come per la qualità di immagine e l’esperienza audio.

OnePlus

OnePlus non ha ancora svelato alcun dettaglio della sua smart TV, ma afferma che quest’ultima sarà dotata di funzioni di intelligenza artificiale, fra cui un assistente virtuale, una fotocamera integrata ed una “connettività continua” con lo smartphone dell’utente e con i dispositivi smart home, in modo da renderla una sorta di “hub intelligente” per la casa.

Utenti della community OnePlus? L’azienda lascia scegliere a voi il nome!

Secondo il CEO Pete Lau, le moderne smart TV possono essere molto più di un mezzo per poter seguire le proprie serie televisive. Inoltre per mantenere vivo lo spirito comunitario, che da sempre ha contraddistinto l’azienda, sarà possibile per gli utenti scegliere il nome del nuovo prodotto tramite questo form, le cui migliori proposte vinceranno un paio di OnePlus Bullets Wireless, mentre il vincitore del nome, che sarà annunciato il 17 dicembre di quest’anno, otterrà anche la nuova TV.

Non si è ovviamente però a conoscenza della precisa data di lancio della smart TV di OnePlus, anche se alcuni report suggeriscono l’inizio del 2019. Il prezzo inoltre dovrebbe essere più competitivo, in modo da ritagliarsi una possibilità in un settore già ampiamente occupato da marchi come LG, Samsung, di recente Xiaomi e molti altri.