Google One

Cos’è Google One, il nuovo servizio cloud che sostituirà Google Drive

Google One è il nuovo servizio di archiviazione della casa di Mountain View destinato all’upload su cloud e pensato per sostituire gradualmente Google Drive. Nei prossimi mesi infatti, l’account di tutti i clienti che hanno acquistato dello spazio su Drive, verrà già predisposto con la nuova piattaforma, il che suggerisce che Big G sta definendo le linee di un’infrastruttura pensata per il lungo termine.

Google One: ecco come l’azienda si prepara a sostituire Drive

L’attuale proposta di Google Drive, offre gratuitamente 15 GB di spazio libero sul cloud. Gli utenti possono espanderlo, acquistando più spazio d’archiviazione al costo di una tariffa mensile. Lo spazio si applica anche ad altri servizi come Gmail e Google Foto. Tutto questo sistema di offerta cloud, sarà disponibile in maniera analoga su Google One, il cui nome ricorda molto il servizio cloud concorrente Microsoft OneDrive

Google One

Come ulteriore incentivo, Google vuol proporre un supporto più rapido ai propri servizi per i clienti che acquisteranno dello spazio su Google One. Google ha anche raddoppiato lo spazio disponibile attualmente acquistabile su Google Drive da 1 a 2TB, al medesimo prezzo, aumentando in maniera efficace la quantità per gli attuali clienti.

In futuro tuttavia, Google One offirà le seguenti proposte mensili:

  • 100GB – 1,99$ (1,66€)
  • 200GB – 2,99$ (2,49€)
  • 2TB – 9,99$ (8,35€)

Le opzioni di archiviazione più grandi invece, manterranno il prezzo mensile corrente:

  • 10TB – 99.99$ (83,58€)
  • 20TB – 199.99$ (167€)
  • 30TB – 299.99$ (250,76€)

Ma non è tutto. In futuro, i clienti Google One usufruiranno dell’assistenza diretta da parte degli “esperti Google” e potranno anche condividere il loro spazio di archiviazione con un massimo di cinque membri della famiglia, con la possibilità per l’amministratore dell’account, di affidare una quota fissa ad ogni persona. Non sono tuttavia ancora state svelate le condizioni esatte.

Google One: quando sarà disponibile?

In maniera analoga a quanto fatto con il servizio Amazon Prime, Google vuol creare degli incentivi, al fine di poter pagare i servizi offerti all’utenza. La società infatti, starà probabilmente preparando un’infrastruttura apposita, dedicata alla gestione degli account, rendendo in futuro possibile l’espansione di ulteriori abbonamenti, come ad esempio la musica su YouTube o servizi per il gaming.

Tutti gli attuali clienti facenti uso dei servizi a pagamento di Google Drive, verranno automaticamente aggiornati a Google One nei prossimi mesi, mentre le nuove modifiche non avranno effetto per i clienti aziendali di G Suite. Qual’ora vorreste ricevere degli aggiornamenti direttamente da Google, potete iscrivervi qui.

SOLO PER VERI NERD!
Rimani sempre aggiornato
Ricevi email su argomenti tecnologici di tuo interesse
Invalid email address
riceverai 1 mail alla settimana