Gmail

Il promemoria di risposta basato su IA arriva su Gmail: ecco come funziona

La settimana scorsa all’annuale conferenza I/O 2018 da poco conclusasi, Google ha annunciato ed iniziato ad implementare smart compose, assieme al supporto offline nativo su Gmail. Le novità a quanto pare non si sono fermate qui, poiché un’ulteriore funzione che vi permetterà di avere un promemoria di risposta su un’email ricevuta, basata sull’intelligenza artificiale, sta per essere rilasciata sulla piattaforma di posta elettronica.

Gmail: ecco come funzionano i promemoria di risposta basati sull’apprendimento automatico

Come per molte funzionalità annunciate lo scorso mese e destinate all’aumento della produttività, la nuova funzionalità su Gmail che prende il nome di “Nudges“, si serve dell’ormai sempre più diffuso apprendimento automatico, per fornire rapidi promemoria alle email interessate, ricordando di lasciare una risposta o seguire un messaggio a cui avete già risposto, facendo in modo che nulla di importante sfugga all’utente.

Nella posta in arrivo di Gmail, le email contrassegnate dal promemoria verranno visualizzate assieme ad un messaggio color arancione, che vi ricorderà i giorni da quando l’email è stata ricevuta, assieme ad un comando rapido per la risposta.

Gmail

Oltre a poter visualizzare i promemoria nell’elenco principale delle email, sarà possibile accorgersi dell’attivazione della nuova funzione, recandosi nelle impostazioni e trovando la voce “Nudges” abilitata in maniera predefinita, su cui gli utenti saranno in grado di attivare o disattivare due tipologie di promemoria:

  • Suggerimenti di risposta all’email ricevute: le email a cui potreste aver dimenticato di dare un’occhiata, appariranno nella parte superiore della casella, con il relativo promemoria;
  • Suggerimenti di “follow” alle email: se avete già risposto a dei messaggi, la funzione vi suggerirà di metterle in evidenza, ricordandovi della conversazione che avete avviato.

La funzione non è ancora disponibile per tutti gli account di Gmail, seguendo un roll-out progressivo per tutta l’utenza. Siete fra quelli che hanno ricevuto la nuova funzione? Fateci sapere nei commenti!