Huawei sviluppo OS proprietario

Huawei a lavoro su un OS proprietario per sostituire Android?

Il dominio Android all’interno del panorama degli OS, oltre che contrastato dal principale rivale iOS, trova proprio nelle derivazioni del suo codice una delle tematiche di analisi più interessanti con progetti pronti a generare una valida alternativa. Tra le recenti novità in rampa di lancio potremmo presto visionare anche un OS proprietario Huawei del quale torniamo a parlare nuovamente dopo qualche anno di silenzio in merito.

Rischio di sanzioni dagli Stati Uniti anche per Huawei

A far correre ai ripari Huawei, scaturendo il ritorno di tale idea è stato il recente ban imposto a ZTE dalle autorità statunitensi. Ricordiamo infatti l’annuncio del Department of Commerce degli Stati Uniti relativo al divieto a tutte le società americane di vendere componentistica a ZTE, a causa della violazione da parte del produttore cinese dei termini delle precedenti sanzioni.

Sanzioni ZTE
Il ban a ZTE in vigore per i prossimi 7 anni creerà indubbiamente diversi grattacapi al produttore cinese.

Ciò impedirebbe a ZTE di utilizzare i chip Qualcomm, minando fortemente il futuro dell’azienda, paura derivata anche dalla possibile perdita della licenza di utilizzo da parte di Google, per l’utilizzo del sistema operativo Android.

Huawei riuscirà dove Samsung e Microsoft hanno fallito?

Sembra infatti che le autorità statunitensi abbiano avviato anche per Huawei delle indagini analoghe a quelle che hanno riguardato ZTE. Ciò avrebbe spinto Huawei a sviluppare un proprio sistema operativo, al fine di non trovarsi anch’essa con le spalle al muro. Non parliamo di una novità assoluta nel settore smartphone, poiché anche Samsung e Microsoft hanno già tentato questa carta, ma fino ad oggi nessuno è riuscito realmente a tenere testa ad Android e iOS.

Indubbiamente non sarà facile per il produttore cinese inserirsi in un mercato dominato da due ecosistemi capaci di offrire ogni genere di applicazione e dalle sconfinate possibilità in termini di esperienza utente. Ma qualora Huawei dovesse decidere di fare il grande passo la situazione potrebbe farsi interessante, smuovendo un po’ le acque dell’attuale panorama smartphone. Voi che ne pensate?