Samsung: la gamma Galaxy nata per contrastare Apple

La storia ed i successi dei noti marchi, in particolare nel settore di mobile devices, è ricca di retroscena spesso segreti ed inimmaginabili ma che, in verità, hanno dato vita alle strategie ed agli obiettivi che hanno modellato il mercato, e la spartizione delle varie egemonie, per come lo si vede attualmente e tra le aziende che più di altre si rendono protagonista di questi retroscena, spicca sicuramente Samsung.

Dopo la fuga di notizie in merito alla mancata, ma possibile acquisizione di Android, denigrando l’OS alla sua nascita e per la fortuna di Google, tramite un documento risalente al 2011 sarebbero emerse la strategie aziendali e di marketing nei confronti di un rivale diretto nel campo dello sviluppo hardware, ovvero Apple. I rapporti con l’azienda di Cupertino, complici anche le frequenti controversie legali per la violazione reciproca dei brevetti, oltre al noto accostamento che i due marchi avrebbero come status symbol nei rispettivi OS di appartenenza, non sono sicuramente ottimi, eppure, e ciò in pochi avrebbero potuto immaginarlo, le idee e le novità introdotte da Samsung nell’ultimo triennio, non sarebbero altro che frutto di una campagna, molto mirata, volta al completo contrasto di Apple, magari persino alla sua distruzione sul mercato.

samsung-apple-beat-e1396909432391

Tutto sarebbe nato, come visibile dal documento, con la campagna  “Next Big Thing” e con la nascita della serie Galaxy, che nel tempo ha dato vita a tutta una serie di modelli che hanno saturato il mercato, nelle varie fasce di prezzo, esprimendosi al top col nuovo Galaxy S5, scoprendo come la gamma sia stata creata per contrastare iPhone. Nei primi paragrafi, è chiaramente visibile la dicitura “everything must be in context of beating Apple”, che svelerebbe l’intenzione di attuare politiche di ogni tipo per poter contrastare Apple, analizzando persino al dettaglio le strategie ed i programmi del competitor.

Possibile che dietro l’astio che Samsung riservi al rivale ancora adesso, possano esserci le medesime motivazioni che hanno spinto l’azienda, nel lontano 2011, a diventare ciò che è attualmente, ovvero uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo.

SOLO PER VERI NERD!
Rimani sempre aggiornato
Ricevi email su argomenti tecnologici di tuo interesse
Invalid email address
riceverai 1 mail alla settimana