Qualcomm: Samsung ed LG pronte, per motivi diversi, a muovere guerra

L’attesa per il prossimo Mobile World Congress, quale occasione primaria per vedere venir alla luce alcuni dei prossimi protagonisti primari dell’intero 2015, si è sorprendentemente arricchita di un nuovo fattore esulante i rumors relativi LG G4 e Samsung Galaxy S6 pur essendovi strettamente connesso. E’ infatti Qualcomm, col suo processore Snapdragon 810, ad essere al centro della scena con il possibile scontro bilaterale con LG e Samsung pronte a fare guerra all’azienda californiana per motivi diversi.

I motivi del problema risiederebbero nelle nuove strategie Samsung che forte dello sviluppo proprio del SoC Exynos 7, con i primi test di benchmark sorprendenti rispetto le attese, avrebbe maturato l’intenzione di spingere per la soluzione proprietaria. L’idea le consentirebbe di poter non solo diventare un fornitore futuro per altri competitors, ricordiamo quanto i maggiori profitti derivino dalla vendita di componenti a competitors come Apple, ma soprattutto aumenterebbe i margini di guadagno sui dispositivi dovendo sborsare cifre decisamente meno consistenti rispetto la fornitura terziaria fornita da Qualcomm come evidente anche dalla volontà di produrre da sè le componenti ottiche delle fotocamera, non rivolgendosi a Sony. Se ad oggi non esistevano reali motivi di attacco all’azienda californiana, un punto di riferimento nel panorama SoC, i recenti problemi di sviluppo dello Snapdragon 810 con il relativo surriscaldamento hanno fornito il perfetto pretesto per sganciarsi ufficialmente potendo contemporaneamente condurre una cattiva pubblicità ai danni del rivale.

Tale scelta, come evidenziato in un nostro articolo dedicato, ha ovviamente fatto le gioie di LG grazie alla possibilità di godere di maggiori scorte del processore (l’importanza delle forniture è ben illustrata nel caso del Nexus 6 recentemente svelato dall’ex CEO Motorola) la cui presenza è stata già integrata nell’LG G Flex 2 e persino negli Xiaomi Mi Note e Note Pro confermando come i suddetti problemi fossero stati risolti. Un vantaggio apparente e di fievole durata poiché l’abbandono di Samsung ha rappresentato un colpo per Qualcomm resasi disponibile, pur di recuperare un cliente poco interessato, nel fornire una versione del SoC del tutto personalizzata ed ottimizzata per il Samsung Galaxy S6 in perfetta tempistica di presentazione scatenando le ovvie difficoltà per LG trovatasi non solo snobbata ma soprattutto a dover equipaggiare sui modelli presentati al CES 2015 una versione ritenuta definitiva salvo poi non esser tale.

Qualcomm vs samsung-exynos-7

Un intricato gioco delle trame, quasi una sorta di triangolo tra le parti, che sta creando forti incertezze per quanto riguarda la scheda tecnica del prossimo Galaxy S6, del quale abbiamo disponibile un dettagliato concept, con possibili sorprese ed azioni legali visti i momenti di alta tensione ai quali potrebbe aggiungersi anche Xiaomi qualora i vantaggi promessi a Samsung dovessero rappresentare un danno per il proprio marchio.