4G LTE: 800 comuni coperti entro fine anno grazie a 3 Italia

Già nota  e usata da un pò di tempo in America, la nuova tecnologia a banda larga mobile 4G LTE sbarcherà, seppur con notevole ritardo rispetto ai continenti tecnologicamente avanzati, anche in Italia grazie alla H3G,

La notizia è resa nota dal Chief Operating Officer di H3GDina Ravera, che ufficializza, entro fine anno, la copertura di 800 comuni italiani. Questa si rivela essere una news importantissima, il quale permetterà all’Italia di colmare il gap tecnologico con gli altri paesi industrializzati, in quanto, la rete 4G avrà una banda maggiore, il doppio dell’attuale 3G (parliamo di 42 Mbps).  Agli investimenti fin ora apportati dalla H3G Italia ce ne sarà un altro di circa un miliardo di euro, nei prossimi due anni, per la realizzazione di 2mila siti nuovi “LTE ready” e per il network LTE nelle maggiori città italiane. Ma l’azienda milanese mira anche alla stabilità mobile delle case e per questo motivo stanzierà anche dei fondi per migliorare la frequeza di banda, attualmente di 900 Mhz, all’interno delle abitazioni.

Che ne pensate? Riusciremo anche noi italiani ad utilizzare dispositivi che ci permettono di navigare sfruttando il doppio della banda attuale?

Via

  • La notizia è stata mal interpretata, ovviamente. Nella fonte si parla di 800 comuni con reti 3G entro la fine dell’anno. Non di certo di reti 4G LTE. 

    • Francesco Zuppardo

      La notizia dice che entro fine anno partiranno con LTE e che sempre entro tale data si offrirà una velocità di  42 Mbps.

      • Sì ma gli 800 comuni di cui si parla nella fonte si riferiscono alle reti 3G, figurarsi se parlano di reti 4G!! Parlavano di un battesimo del 4G.. vorrà dire alcune reti, di certo non si riesce a coprire 800 comuni in quattro e quattr’otto.

  • Ok voler fare i giornalisti a tutti i costi… ma la lingua italiana la smettiamo di strapazzarla in questo modo ? 

    “—>QuestailQuestala<— quale permetterà all’Italia di colmare il gap " 

    dai su !!!!!!

    • Francesco Zuppardo

      Chiedo scusa se ho offeso la sua intelligenza e abusato ingiustamente della grammatica italiana,signor Curto. Ma mi chiedo,a lei è mai capitato di vedere nelle maggiori testate errori di trascrizione che vengono fatte per una revisione veloce? Credo che, poichè nessuno è perfetto, ci possa stare.Accetto le critiche, perchè le critiche aiutano a crescere ma credo che nella vita ci voglia un pò di umiltà, cosa che in quest’ultimo periodo sta venendo fortemente a mancare, soprattutto tra i giovani. Quindi, prima di venire a fare il professore di italiano, la inviterei a riflettere sulle regole che si adottano per la stesura di un articolo( e se non le sa gliele posso rammentare io), e a considerare che qualche volta si può sbagliare,ma soprattutto ad essere più umile nei confronti di persone che cercano di portare avanti un lavoro con passione e voglia di fare. 
      Grazie
      P.S: Si ricordi che colui che sbaglia è colui che lavora.