Galaxy Fold

Samsung cancella gli ordini dei Galaxy Fold per via dei problemi al display

Samsung sta procedendo alla cancellazione degli ordini relativi al suo Galaxy Fold, a meno che i clienti non confermino di voler comunque proseguire, nonostante i guasti importanti verificati al display delle unità destinate alle recensioni. La società ha inviato delle e-mail ai clienti che hanno ordinato il dispositivo, riconoscendo i problemi verificati dai revisori e comunicando quanto scritto sopra.

Falsa partenza per Samsung Galaxy Fold

Per i clienti che desiderano comunque ottenere Galaxy Fold, Samsung non è ancora in grado di comunicare quando questi ultimi verranno spediti, poiché la casa si è impegnata a far in modo che lo smartphone rispetti gli standard i propri standard di qualità, prevenendo così qualsiasi difetto.

I clienti potranno cancellare l’ordine in qualsiasi momento prima della spedizione. Azione che se non verrà fatta entro il mese, causerà l’annullamento di quest’ultimo, a meno che il cliente non specifichi di voler comunque procedere all’acquisto, attraverso un link fornito da Samsung.

Galaxy Fold

Non affatto un buon inizio quindi per Galaxy Fold, il primo smartphone pieghevole presentato dalla casa per la prima volta al Mobile World Congress tenutosi quest’anno nel mese di febbraio. Le preoccupazioni relative alla durabilità dello smartphone erano emerse poco dopo, nonostante l’azienda mirasse attraverso un video mostrante uno stress test, a promuovere la durata dello smartphone a ben cinque anni di utilizzo regolare.

La reazione iniziale è stata positiva ed ha fatto in modo di far esaurire i preordini in un solo giorno, ma non è tuttavia passato molto tempo purtroppo, prima che i problemi ai dispositivi venissero segnalati. A seguito delle diverse segnalazioni per il problema al display, Samsung ha ritardato il lancio nel mercato di Galaxy Fold di almeno un mese, riprendendosi le unità per le recensioni.

I problemi pare siano proprio riconducibili ad un difetto fatale di progettazione, il che probabilmente ritarderà ulteriormente i tempi di spedizioni dei dispositivi rivisti. Non resta che attendere ulteriori notizie ufficiali.