Roav DashCam C2 recensione

Dopo aver lanciato su Amazon Italia le DashCam C1 (qui recensione) e C1 Pro (qui recensione), Anker è ritornata in questo settore lanciando una terza telecamera da auto chiamata Roav DashCam C2 attraverso il suo sub-brand. In questa recensione completa scopriremo assieme tutte le sue caratteristiche e le performance.

Roav DashCam C2 – Contenuto della confezione

All’interno del box di vendita troviamo il seguente contenuto:

  • Roav DashCam C2
  • caricatore da auto PowerDrive 2 con due porte USB PowerIQ
  • cavo micro USB lungo 3,5 metri
  • supporto con ventosa
  • supporto con adesivo 3M
  • utensile per inserire il cavo attorno al tettuccio dell’auto
  • libretto delle istruzioni anche in lingua italiana
  • happy card

Roav DashCam C2 – Design e qualità costruttiva

A primo impatto, la DashCam C2 sembra una fotocamera compatta poiché dispone di un design rettangolare realizzato interamente in plastica con finitura satinata e con alcuni inserti in plastica lucida. Sulla parte frontale trova posto il grande sensore che sembra proprio un obiettivo di una fotocamera.

A livello estetico, la DashCam C2 è davvero elegante e rappresenta sicuramente uno step evolutivo rispetto alla generazione precedente che proponeva un design molto simile alle altre dash cam presenti sul mercato. Sulla parte frontale è presente il logo Roav in alto a destra, l’altoparlante in basso a destra e il grande obiettivo con il sensore d’immagine protetto da una pellicola.

Sulla parte posteriore trova posto il grande display LCD da 3 pollici con il logo dell’azienda in alto a sinistra, 4 pulsanti posti sul lato destro e nascosto sulla sinistra il piccolo indicatore LED. Sul perimetro sinistro c’è lo slot per micro SD mentre quello opposto è praticamente pulito.

Sulla parte superiore ci sono il pulsante di accensione/spegnimento, 2 feritoie per la dissipazione del calore, la porta micro USB per inserire il lungo cavo incluso nella confezione e il gancio per inserire uno dei 2 supporti.

Sul lato inferiore, infine, ci son altre 2 feritoie per smaltire il calore e varie specifiche tecniche e certificazioni ottenute dalla Roav C2. Dato che parliamo di una telecamera da auto, dovrebbe esserci anche il microfono ma purtroppo Anker non ha rivelato la posizione esatta. Parlando di numeri, la Roav DashCam C2 misura 101 × 56 × 31 mm e pesa 103,3 grammi.

Roav DashCam C2 – Caratteristiche

Anche sulla nuova DashCam C2, Roav ha integrato la tecnologia NightHawk che, combinato con il sistema video WDR (Wide Dynamic Range), offre immagini e registrazioni perfettamente bilanciate, anche di notte. Secondo la società, sarà possibile catturare chiaramente auto e targhe sia di giorno che di notte.

Roav DashCam C2 recensioneGrazie al sensore d’immagine Sony Exmor IMX323 e al processore Ambarella A12, la DashCam C2 è capace di catturare un determinato momento con ottimi dettagli se si registra in Full HD. La telecamera di sicurezza integra una lente grandangolare con apertura focale f/2.0 composta da 5 elementi per poter registrare fino a 4 corsie di traffico, dunque non si limita a riprendere soltanto l’auto davanti a voi.

Roav DashCam C2 recensioneRoav sostiene di aver implementato una cornice in acciaio per dissipare meglio il calore prodotto dai circuiti interni. Quando è connessa all’auto, la dash cam è in grado di funzionare a temperature comprese fra i -20°C e i +70°C mentre, quando viene utilizzata sfruttando la batteria integrata, da 2°C a 70°C.

Roav DashCam C2 recensioneQuando l’auto è parcheggiata, l’accelerometro della telecamera Roav rileva i movimenti improvvisi (come l’urto di un altro veicolo) e avvia automaticamente la registrazione. Per utilizzare in maniera affidabile la telecamera è consigliabile inserire una micro SD classe 10 da almeno 32 GB.

Roav DashCam C2 recensioneCon questa capacità è possibile registrare fino a 320 minuti di video in Full HD a 30 FPS, fino a 360 minuti in HD a 60 FPS e fino a 480 minuti in HD a 30 FPS. Inserendo una micro SD da 64 GB, invece, è possibile catturare rispettivamente 640, 720 e 960 minuti mentre con una scheda da 128 GB 1280, 1440 e 1920 minuti.

Roav DashCam C2 recensioneRoav consiglia di installare la sua telecamera vicino allo specchietto retrovisore per ottenere una visuale più ampia. Assicuratevi, poi, che la lente della Roav DashCam C2 si trovi sulla portata dei tergicristalli per una visione chiara anche quando piove. Rispetto ai precedenti modelli, questa volta Anker offre due possibilità di applicazione della sua telecamera di sicurezza: ventosa e adesivo 3M.

Roav DashCam C2 recensioneDopo aver posizionato il gadget nel punto desiderato, utilizzate lo strumento per inserire il cavo e nasconderlo attorno al tettuccio e al cruscotto. A questo punto non vi resta che regolare l’angolo di visione per assicurarvi la miglior ripresa possibile. Per avviare la DashCam C2 è necessario collegare il caricatore da auto nella presa accendisigari.

Roav DashCam C2 recensioneAll’accensione del motore, la dash cam si avvia automaticamente e inizia a registrare. Allo spegnimento, invece, le registrazioni verranno salvate in automatico e la telecamera si spegnerà entro 10 secondi.

Roav DashCam C2 recensioneÈ possibile attivare o disattivare l’audio durante la ripresa cliccando sul terzo pulsante partendo da sopra. La DashCam C2, proprio come i precedenti modelli, permette di proteggere le registrazioni importanti.

Roav DashCam C2 recensionePer impostazione predefinita, la telecamera da auto utilizza un sensore per rilevare automaticamente le condizioni accidentali e protegge i video registrati, della durata di 30 secondi. Se viene mostrata un’icona rossa a forma di triangolo con un punto esclamativo all’interno, allora quel video verrà bloccato e non sarà sovrascritto da altri filmati.

Roav DashCam C2 recensioneÈ possibile comunque proteggere manualmente le registrazioni premendo sul tasto con cerchio rosso. Attraverso quest’ultimo pulsante è possibile tornare al menu precedente, bloccare/sbloccare il video corrente, riprodurre o mettere in pausa un filmato oppure cancellare tutte o la clip corrente.

Roav DashCam C2 recensioneDelle Impostazioni è possibile:

  • scegliere la risoluzione di ripresa di video fra HD a 60 FPS, HD a 30 FPS e Full HD a 30 FPS
  • impostare la sensibilità del sensore di gravità che rileva gli shock durante la guida e attiva la dash cam, impostando la scelta su bassa, media, alta e OFF
  • attivare il Parking Monitor che rileva i movimenti fino a 15 volte in più e registra un video di 30 secondi ogni volta quando la Roav DashCam C2 è in modalità stand-by scegliendo fra bassa, alta e OFF
  • impostare data e ora
  • impostare la lingua dell’interfaccia (disponibile quella italiana)
  • impostare lo screensaver per disattivare la retroilluminazione dello schermo dopo un periodo di inattività fra 30 e 60 secondi oppure spegnerlo completamente
  • impostare una durata di ogni filmato fra 1, 3, 5 e 10 minuti
  • attivare/disattivare i segnali acustici (suoni, messaggi vocali e suono di accensione/spegnimento)
  • formattare la micro SD
  • mostrare o nascondere la data e l’ora sulle registrazioni
  • regolare la luminosità della visione notturna
  • ripristinare le impostazioni predefinite
  • impostare la frequenza del video
  • mostrare la versione del firmware installata sulla telecamera da auto

Roav DashCam C2 recensioneRoav DashCam C2 – Specifiche tecniche

  • Display LCD TFT da 3 pollici con risoluzione di 960 x 240 pixel
  • sensore di immagine Sony Exmor IMX323
  • lente grandangolare da 145°
  • chipset Ambarella A12
  • input da 5V 1A
  • formato video MP4
  • banda Wi-Fi a 2.4 GHz
  • batteria da 470 mAh

Roav DashCam C2 – Prestazioni

Ho testato la Roav DashCam C2 all’interno della mia auto utilizzando le risoluzioni Full HD a 30 FPS e HD a 60 FPS. Nel primo caso, la qualità generale dei video è risultata molto buona in diurna e buona in notturna con un discreto livello di dettaglio. Nel secondo caso, invece, sono rimasto soddisfatto soltanto delle riprese effettuate di giorno poiché quelle notturne sono di scarsa qualità.

Roav DashCam C2 recensioneUn video da 10 minuti registrato in risoluzione Full HD a 30 FPS pesa 1.01 GB mentre una clip in HD a 60 FPS pesa 0.99 GB. All’interno dello slot ho inserito la stessa micro SD Samsung da 32 GB utilizzata nella DashCam C1 Pro.

Facendo due rapidi calcoli, è possibile salvare circa 28 video sia in Full HD che in HD. Come visto con le altre due telecamere da auto, ho fatto lo stesso test alimentando la telecamera con la powerbank Anker PowerCore+ 26800 (da 26.800 mAh) per vedere il consumo energetico.

In particolare, la Roav DashCam C2 è rimasta accesa per 13 ore riuscendo a consumare esclusivamente 1 dei 10 LED disponibili, quindi praticamente il 10%. Preciso che entrambi i test sono stati effettuati con Night Vision su modalità Bilanciata, Rilevamento di collisione su Medio e Parcheggio-collisione su Alta. In queste prove l’unica cosa che mi ha convinto meno è stata la qualità del microfono che pare sia inferiore ai modelli precedenti.

Roav DashCam C2 – Conclusioni

Anker ha sicuramente realizzato una nuova telecamera di sicurezza da auto molto interessante, soprattutto a livello estetico che risulta più elegante dei precedenti modelli. Tuttavia, la sua costruzione la rende meno discreta poiché è più larga e soprattutto ha una lente davvero grande che non la nasconde particolarmente.

Rispetto alle DashCam C1 e C1 Pro, comunque ancora non abbiamo uno step importante a livello di qualità di registrazione. In ogni caso, il mio consiglio è quello di utilizzare la risoluzione Full HD a 30 FPS poiché permette di registrare filmati sia di giorno che di notte con dei buoni dettagli. Come sempre, i vari sensori di rilevamento si sono rivelati precisi e molto utili.

Durante le varie registrazioni, anche se comunque siamo in un periodo abbastanza freddo, la DashCam C2 non ha scaldato per nulla. Molto probabilmente ciò è dovuto anche alle 4 feritoie posizionate sulla parte superiore e su quella inferiore. Anche se si tratta di una nuova generazione di telecamera di sicurezza, manca la possibilità di gestire i video e i settaggi direttamente dallo smartphone tramite l’app companion.

Personalmente, non la ritengo una cattiva mossa visto che il software ha bisogno di ottimizzazioni ma comunque ad alcuni poteva piacere la possibilità di scaricare i video sullo smartphone da remoto tramite una connessione Wi-Fi. Ho apprezzato la presenza di un supporto con ventosa poiché rende sicuramente più comodo attaccare e togliere la telecamera dal vetro rispetto al classico adesivo 3M, molto difficile da rimuovere.

Ovviamente, è presente un secondo supporto con adesivo 3M. Naturalmente, il modello top attuale di Roav resta la DashCam C1 Pro, quindi la C2 dovrà essere messa a confronto in fase di acquisto con la C1. Qui, infatti, la caratteristica più differente è l’aspetto estetico.

Roav DashCam C2 – Prezzo

La Roav DashCam C2 di Anker è acquistabile su Amazon ad un prezzo di 84,99 euro con spedizione gratuita.

Roav DashCam C2 recensione