Fuchsia OS

Google Fuchsia OS visto girare su un Pixelbook: ecco i dettagli

Fuchsia OS è un altro sistema operativo di cui si sente parlare già da un po di tempo, che Google sta sviluppando in parallelo a Chrome OS ed Android. L’azienda ha cominciato i lavori 2 anni fa, ma non ha mai svelato nulla di preciso in merito. Dopo essere stato inizialmente mostrato quando era in stadio iniziale, adesso è stato visto girare su un Pixelbook. Ecco le novità!

Fuchsia OS

Fuchsia OS: c’è ancora del lavoro per finire lo sviluppo

L’attuale versione di Fuchsia OS, gira su un’interfaccia utente con nome in codice Armadillo, basata sul kernel Zircon di Google che a differenza di Android, non è basato su Linux. Fuchsia infatti è stato programmato da zero e nella documentazione ufficiale, viene specificato che la sua piattaforma punta a smartphone e pc, caratterizzati da hardware potente e veloce.

Fuchsia OS

L’approccio multi sistema è piuttosto evidente, poiché dalla schermata di accesso, è possibile utilizzare il display in modalità laptop o smartphone, con possibilità di selezionare l’orientamento verticale o orizontale. Nonostante ovviamente, non ci sia alcun motivo per utilizzare il display del Pixelbook in modalità smartphone, è un’ottima cosa mostrare di come Fuchsia OS potrebbe funzionare su entrambe le tipologie di dispositivi.

Il sistema quindi si mostra in stato molto più avanzato rispetto le versioni iniziali, il supporto per il trackpad è infatti completamente funzionante, insieme alla tastiera, il touchscreen e le porte USB con cui è anche possibile collegare un mouse e presumibilmente altre periferiche. Il Wi-Fi pare per adesso non funzionare insieme ad altre caratteristiche, il Pixelbook inoltre si surriscaldava durante l’esecuzione, segno che c’è ancora lavoro da fare per completare lo sviluppo.

L’interfaccia Armadillo si evolverà notevolmente nella sua versione finale

Non c’è per adesso molto da vedere nella schermata iniziale di Fuchsia OS, come su Android, sono presenti gli indicatori di batteria e del WiFi, insieme a data e ora, ma per adesso sono completamente assenti app su cui si possono testare l’esperienza d’uso e le prestazioni. Queste ultime possono essere lanciate tramite un pannello di ricerca, digitandone il nome.

Fuchsia OS

Sarà possibile avere anche un’anteprima delle app recenti ed ugualmente a quanto è possibile fare sul robottino verde, trascinarle nella parte alta e bassa dello schermo per avviare la modalità split screen con due app.

Questo è correntemente tutto ciò che è possibile sapere riguardo lo stato di Fuchsia OS e pare che potrebbero passare ancora anni prima di vedere una versione completa. Inoltre l’interfaccia utente Armadillo, cambierà sicuramente nella sua versione finale, portando con se più aggiunte riguardo l’interfaccia.