Top di gamma

Ma è davvero necessario comprare un top di gamma?

Apro l’articolo riportando la domanda utilizzata come titolo: vale la pena acquistare uno smartphone Android top di gamma? Risposta: secondo me no. Sia chiaro, è un mio parere, e sei libero di opporti. Prima però prosegui la lettura, magari condividerai quanto segue.

Top di gamma vs resto del mondo

È ovvio che se non hai problemi di budget, la questione non si pone. Se invece è modesto, devi dimenticarti l’ultimo della serie (a meno che costi poco, come nel caso di alcuni brand). Tuttavia non scoraggiarti, non sempre si rivela essere la soluzione peggiore. Basta saper dove cercare e scegliere in base alle proprie esigenze.

Che intendo? Esaminiamo il Samsung Galaxy Note 7. Prezzo? Circa 900€. Bene. Scanner dell’iride, display super definito, prestazioni incredibili e tante altre belle features. Benissimo. Ma onestamente, quante di queste sfrutteresti appieno? Io credo che molti utenti si limiterebbero ad usare quel telefono per chiamare, messaggiare, navigare su Internet e scattare foto sporadiche.

Dunque, perché non optare per un cellulare più economico? Ah sì, altrimenti non ci si può vantare con gli amici. “L’ho pagato quasi 1000€, è il meglio ed è ciò che io voglio”, affermano. E dopo un po’ va mandato indietro altrimenti rischia di esplodere durante la carica. Sbaglio o è successo?

Top di gamma
Davvero carino questo modello. Come hai detto che si chiama?

Tornando seri…

Prova a risparmiare quelle centinaia di euro che potresti investire altrove. Facile da dire e ancor più semplice da fare. Innanzitutto devi, e lo ripeto, stilare una lista di caratteristiche realmente indispensabili. Da lì poi valuti i vari prodotti che le offrono. E ricordati del giusto compromesso.

Un esempio? Se già sai che lo smartphone ti servirà soltanto per le operazioni basilari, rinuncia alle specifiche elevate e alle funzioni obsolete. La cifra si ridurrà, ma il mercato proporrà comunque delle ottime soluzioni. Ti viene in soccorso pure il web con le sue recensioni testuali e/o video.

Naturalmente ci sono altri fattori da considerare, quali l’assistenza e il supporto da parte dell’azienda madre. Qui ti regalo un bonus: prima di comprare/consigliare un device, controllo che ci sia almeno un sito (XDA-Developers, giusto per citarne uno) in cui c’è qualcuno attivo che realizza custom ROM per quello specifico dispositivo.

Così ho gli aggiornamenti assicurati oltre che una versione di Android leggera e priva di fronzoli. Capisco la paura di dover praticare del modding, però sta tranquillo: la Rete è ricca di risorse comprensibili che possono aiutarti nell’impresa. E scoprirai che, una volta portata a termine, i risultati saranno più che soddisfacenti.

Conclusioni

Abbiamo visto insieme come i top di gamma, per quanto ambiti, non sono indispensabili. Eppure c’è ancora chi sostiene il contrario. O peggio, reputa Xiaomi, Meizu, OnePlus, ecc… delle “cineserie” che si rompono nel giro di 2 giorni. Ma questo è un altro discorso. Allora, hai cambiato idea oppure no? Fammelo sapere lasciando un commento qui sotto.