McAfee

John McAfee annuncia lo smartphone più sicuro al mondo

John McAfee, celebre nome diventato sinonimo di protezione antivirale nell’ambito informatico, ha recentemente annunciato quello che definisce lo “smartphone più sicuro e privato al mondo” e che dovrebbe vedere la luce sul mercato entro quest’anno. Il dispositivo battezzato John McAfee Privacy Phone, si dice sia il telefono più anti-hacker mai realizzato.

Uno smartphone letteralmente blindato

Il prodotto verrà rilasciato in collaborazione con l’azienda di cybersecurity MGT, dove McAfee stesso occupa un ruolo come presidente e amministratore delegato, e verrà lanciato con un prezzo di ben 1,100$ (1,030€). Ovviamente è palese che il dispositivo sarà destinato ad utenti aziendali e a consumatori maniaci della privacy, che non si fanno alcun problema a pagare una cifra simile per un dispositivo del genere.

Descrivendo il dispositivo in un’intervista alla testata di Newsweek, McAfee ha affermato che gli utenti saranno in grado di isolare realmente lo smartphone dalla rete, se le circostanze lo richiedono. Lo smartphone dispone infatti di una serie di interruttori sul retro che consentono all’utilizzatore di scollegare fisicamente la batteria, le antenne Wi-Fi e Bluetooth, la geolocalizzazione, le telecamere e il microfono dal telefono.

McAfee

Lo smartphone impedisce inoltre la connessione a servizi di tracciamento come StingRay (sistema di identificazione e localizzazione di un dispositivo) o IMSI (International Mobile Subscriber Identity), utilizzati per intercettare il traffico cellulare a scopo di sorveglianza. Inoltre, è dotato letteralmente di un anonimizzatore di ricerca in rete, per impedire che la navigazione web sia tempestata da fastidiosi ad, come a noi utenti normali spesso capita.

Il segreto della sicurezza sta nell’hardware

McAfee ritiene che sia in realtà l’hardware stesso la chiave per assicurare privacy e sicurezza ad uno smartphone. Come descritto dettagliatamente sopra infatti, il dispositivo darà la possibilità agli utenti di isolare fisicamente le componenti di comunicazione dal telefono, a differenza di quanto attualmente i produttori fanno, ovvero affidare tutto questo alla parte software. Il problema di affidare lo switching delle componenti al software stesso, è che quest’ultimo può per l’appunto, essere tranquillamente hackerato.

MGT si occuperà dello sviluppo nel dettaglio riguardo la sicurezza del dispositivo con la Nordic IT Sourcing Association. Un prototipo del telefono è già pronto, ma sarà possibile conoscere la lista completa delle specifiche, rivoluzionarie a detta di McAfee, solamente una settimana dopo il lancio. Una versione 2 inoltre, è già in fase progettuale e pensata per il rilascio nel 2018.