Fotophire: ritocco fotografico semplice come un app mobile

I programmi per il fotoritocco sono molti, e spesso si caratterizzano per una serie di funzioni avanzate che permettono di ottenere foto bellissime… a chi li sa utilizzare.

La maggior parte degli utenti, tuttavia, non ha necessità, ma nemmeno la possibilità di imparare, ad utilizzare tool avanzati come Photoshop, e cerca quindi programmi più semplici ma anche più immediati che permettano di migliorare le foto delle vacanze o dei viaggi che hanno realizzato.

In questo articolo parliamo di Fotophire, un programma perfetto per questo tipo di necessità.

Photophire Editing Toolkit: quali sono le sue funzioni

Le funzioni del programma sono essenzialmente tre, che permettono di modificare le fotografie in base alle nostre necessità.

Il fotoritocco

La prima tra le tre funzioni riguarda il fotoritocco, e permette di modificare le fotografie inserendo i filtri oppure modificando manualmente le regolazioni.

I filtri sono all’incirca 200, ma ognuno di essi può essere personalizzato e poi salvato per essere usato anche nelle foto successive. Se il filtro di per sé non ci piace potremo anche regolarne la sua applicazione manualmente, in modo da rendere la fotografia proprio come la desideriamo.

Per l’applicazione degli effetti basta un singolo clic, e anche le regolazioni si possono fare in pochissimi e molto semplici passaggi.

Il taglio delle fotografie

La seconda funzione è quella che consente di ritagliare le fotografie, in pratica mettendo a disposizione dei fotomontaggi.

La base, molto semplice, è la possibilità di tagliare i bordi delle foto (per esempio per cambiare la risoluzione oppure per togliere elementi ai bordi che non ci piacciono), ma è anche possibile tagliare singole forme all’interno della fotografia.

In questo modo abbiamo la possibilità sia di regolare la luminosità o il contrasto della selezione (per esempio, possiamo selezionare la persona all’interno di una foto e variare la luminosità della persona ma non dello sfondo), sia di tagliare l’oggetto selezionato, quindi per esempio ritagliare la persona staccandola dallo sfondo per poi sostituire lo sfondo con un altro, o per montare insieme due foto.

Anche in questo caso è tutto molto semplice e veloce, con la possibilità di selezionare il soggetto in un clic, con questo che verrà riconosciuto automaticamente.

Togliere le parti indesiderate

Questa terza funzione è molto difficile da trovare su programmi di fotoritocco che non siano avanzati, ed è quindi molto interessante averla a disposizione su un programma amatoriale.

E’ possibile infatti selezionare un oggetto di disturbo e il programma lo sostituirà automaticamente con un colore simile a quello dello sfondo. Naturalmente non è possibile eccedere (non si può togliere una persona in primo piano sulla foto) ma per piccole imperfezioni, macchie, oggetti di disturbo è una funzione davvero comoda che, anche in questo caso, è possibile togliere con un semplice clic, una volta selezionato l’oggetto da rimuovere.

Da notare che questa funzione si può utilizzare anche con i watermark, motivo per cui se abbiamo una scritta, un logo, la data della fotografia o qualcosa del genere in sovrimpressione (in un angolo oppure su tutta la foto) potremo rimuoverla ed avere così una foto “pulita”.