Google Android Things 1.0 IoT

Google annuncia Android Things 1.0, la versione finale e stabile dell’OS per dispositivi IoT

L’Internet of Things (IoT) sta diventando ormai parte della nostra vita quotidiana. Fra pochi anni, qualunque dispositivo tech ed elettrodomestici saranno connessi tra di loro utilizzando, appunto, Internet. Nelle scorse ore, Google ha deciso di annunciare la versione definitiva e stabile di Android Things 1.0. Si tratta del sistema operativo sviluppato da Big G proprio per i dispositivi IoT.

Lo sviluppo dell’OS è iniziato nel 2016 ma fino a qualche giorno fa era disponibile soltanto come Developer Preview per gli sviluppatori. Ora che la versione finale di Android Things 1.0 è finalmente funzionante, presto potremo vedere i primi device con a bordo il sistema operativo del colosso del web.

Google Android Things 1.0 IoTAndroid Things 1.0: i primi dispositivi IoT arriveranno alla fine di questa estate

Android Things 1.0 offrirà un supporto gratuito per un periodo di 3 anni per ciascuna delle sue versioni. In particolare, il supporto software includerà aggiornamenti riguardanti la stabilità e le patch di sicurezza. In questo caso, la sicurezza sarà particolarmente importante visto che l’ecosistema IoT includerà diversi oggetti che interagiscono con noi quotidianamente, dunque attacchi esterni potrebbero essere molto pericolosi.

Dopo il supporto triennale per ciascuna versione del sistema operativo, Google metterà a disposizione delle opzioni aggiuntive per un supporto esteso ma anche i produttori potranno decidere se rilasciare loro stessi degli upgrade.

Google Android Things 1.0 IoTOltre ad annunciare il nuovo OS, il colosso dei motori di ricerca online ha introdotto la compatibilità con nuovi System-On-Module (SoM) che alimenteranno i dispositivi Internet of Things.

Più nello specifico, i nuovi moduli hardware supportati sono NXP i.MX8M, Qualcomm SDA212, Qualcomm SDA624 e MediaTek MT8516. Questi vanno ad aggiungersi ai già supportati, dalla Developer Preview del sistema operativo, Raspberry Pi 3 Model B, NXP i.MX7D e NXP i.MX6UL.

La compatibilità con i primi due moduli sarà estesa anche su Android Things 1.0 finale mentre il modello NXP i.MX6UL non più. Google ha confermato che i primi device IoT con il nuovo sistema operativo saranno ufficializzati entro la fine di quest’estate. Tra questi troveremo speaker e display smart.

Google Android Things 1.0 IoT