Xiaomi Berlin

Xiaomi Berlin: nuovo mid range della casa cinese scoperto su Geekbench

Un nuovo dispositivo, identificato con il nome in codice di “Xiaomi Berlin“, è apparso nel database della rinomata piattaforma di benchmarking Geekbench. Il nuovo smartphone della casa cinese, dalle caratteristiche mostrate, ha tutto l’aspetto di essere un medio di gamma.

Xiaomi Berlin utilizzerà un SoC non ancora annunciato da Qualcomm

Xiaomi Berlin equipaggia infatti uno Snapdragon 632, un SoC forse esa-core, non ancora annunciato da Qualcomm, che dovrebbe lanciare tre nuovi modelli della stessa serie quest’anno. Il SoC possiede un gruppo di core che puntano all’efficienza energetica, con clock impostato alla frequenza di 1.02GHZ.

Ad accompagnare il SoC di Xiaomi Berlin, ci sono 3GB di RAM. La versione di Android installata sarà 7.1.2 Nougat, con probabilmente una versione migliorata dell’interfaccia MIUI del costruttore. La versione ormai “obsoleta” di Android, suggerisce però che il telefono potrebbe trattarsi di una versione prototipo o di un’unità pre-produzione, dato che attualmente non ci si aspetta altri dispositivi da parte di Xiaomi, con implementazioni Android basate su Nougat.

Xiaomi Berlin

Il costruttore cinese è solito ad adottare in maniera relativamente veloce, nuove versioni di Android per i suoi nuovi dispositivi, le sue nuove proposte infatti sono tutte dotate di MIUI basate su Android Oreo.

Xiaomi ha abbracciato maggiormente le piattaforme Qualcomm in questi ultimi anni, avendo spesso optato per i vari chip Snapdragon piuttosto che per le controparti realizzate da MediaTek, che si è infatti vista perdere uno dei suoi più grandi clienti. La casa cinese, potrebbe anche essere la prima ad adottare l’annunciata serie 700 di Qualcomm, anche se non è ancora noto nello specifico il modello.

Come già specificato da noi in un articolo, la serie 700 di Qualcomm, è pensata per colmare il divario tra le serie 600 ed 800, offrendo chip con funzionalità premium, come l’elaborazione avanzata delle immagini e il calcolo dell’IA direttamente sul dispositivo. La nuova serie di chip, dovrebbe essere commercializzata nella seconda metà dell’anno.