Come scoprire se “Il dispositivo è certificato Google” | Guida

La novità introdotta per limitare la frammentazione Android ha portato con sé dubbi e perplessità degli utenti, che si chiedono a questo punto come scoprire se “Il dispositivo è certificato Google“.

Cosa significa “Il tuo dispositivo è certificato Google”

Nel caso anche il vostro smartphone o tablet mostri il problema di una mancata certificazione, sappiate sin dall’inizio che accedere da quel momento in poi al Google Play Store potrebbe essere difficile, ciò a causa del firmware (proprietario o Custom ROM) ritenuto da Google lesivo per l’ecosistema Android.

Ma cosa significa esattamente avere una certificazione Google? Abbiamo provato a fornire maggiori informazioni nell’articolo di presentazione “Dispositivo certificato Google” illustrando i punti di forza di questo programma ed alcuni svantaggi ovviamente presenti sull’ago della bilancia.

Come verificare se il dispositivo è certificato Google: i passaggi e cosa fare qualora non lo fosse

Qualora il tuo dispositivo non abbia ancora mostrato il messaggio “Questo dispositivo non è certificato da Google” accedendo al Play Store (nel caso vi suggeriamo una guida su come correggere l’errore certificazione Google), potete sfruttare proprio lo store per potervi togliere definitivamente il dubbio.

Accedete al Google Play Store con qualsiasi account, orientatevi verso il menù a scomparsa laterale sinistra e certare la voce “Impostazioni” per essere indirizzati all’area dove reperire le informazioni utili.

Tra queste ultime scorrete la schermata sino al fondo pagina, nella sezione “Informazioni” dove troverete anche la voce “Certificazione del dispositivo” ottenendo una risposta ufficiale da Google per il firmware adottato dal vostro dispositivo.

Consigli utili nel come scoprire se”Il dispositivo è certificato Google”: domande e risposte

L’utilità di un meccanismo per la verifica di stato del dispositivo può risultare tale in diversi contesti, sfruttando la limitazione Google come una scrematura sui dispositivi che andrete ad acquistare e/o moddare.

Nel caso di acquisto smartphone usato, potreste infatti considerare la verifica per esser sicuri che il dispositivo non sia stato alterato nè si tratti di un falso (considerando i tanti casi di emulazioni Samsung).

Nel caso invece del modding, l’utilizzo di una Custom ROM certificata può fornire informazioni importanti all’utente che la utilizza a prescindere dal livello di esperienza o che si tratti di un principiante.