Anker PowerPort Wireless 5 Pad recensione

Dopo aver provato la versione stand, ritorniamo a parlare di Anker con il nuovissimo Anker PowerPort Wireless 5 Pad. Si tratta di un caricatore wireless con standard Qi che può essere utilizzato con alcuni degli ultimi smartphone lanciati sul mercato compatibili con la wireless charge. Scopriamolo insieme di seguito.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Contenuto della confezione

All’interno del box diventa troviamo il seguente contenuto:

  • Anker PowerPort Wireless 5 Pad
  • cavo micro USB lungo 90 cm
  • guida rapida di inizializzazione
  • manuale delle istruzioni anche in lingua italiana
  • happy card

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Design e qualità costruttiva

Il nuovo caricatore wireless Anker propone una struttura circolare davvero minimal ma singolare. Sulla parte superiore e posteriore troviamo un rivestimento in morbida gomma che non danneggia la back-cover in vetro del vostro smartphone e inoltre riesce ad aumentare la presa quando lo si poggia su una superficie piana. Tuttavia, trattiene abbastanza le impronte.

Le due piastre in gomma sono unite da una fascia in plastica opaca antigraffio e anti-impronte. Preciso che fra il disco superiore e il frame perimetrale è presente un anello sottile in plastica lucida.

Sulla parte frontale troviamo il logo Anker e il piccolo indicatore LED verso il lato sinistro mentre sul retro le principali specifiche tecniche e le certificazioni ottenute dall’Anker PowerPort Wireless 5 Pad. Sulla zona superiore, invece, c’è l’ingresso micro USB. Parlando di numeri, l’Anker PowerPort Wireless 5 Pad misura 100 x 100 x 9.5 mm e pesa 67,7 grammi.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Caratteristiche

L’azienda sostiene che il PowerPort Wireless 5 Pad è in grado di ricaricare il 10% più velocemente i nuovi iPhone 8, 8 Plus e X rispetto agli altri caricatori wireless da 5W. Questo particolare modello è anche amico delle cover poiché permette di ricaricare il vostro terminale anche se indossa una custodia protettiva a patto che abbia uno spessore massimo di 5 mm.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad recensione

La società, però, specifica che supporti in metallo o carte di credito possono interferire con il processo di ricarica. All’interno è presente un chip di sicurezza che protegge sia voi che il vostro smartphone da sovracorrente e inoltre controlla la temperatura e rileva oggetti estranei. Il prodotto, infatti, è munito delle certificazioni CE, FCC e RoHS.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad recensioneNel momento in cui collegate l’Anker PowerPort Wireless 5 Pad alla corrente, il LED lampeggia di blu per 3 secondi e poi si spegne. Ciò indica che si è inizializzato correttamente. Durante la fase di ricarica, invece, l’indicatore segnala fisso.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad recensioneQuando poggiate il vostro smartphone sopra il pad e la carica non parte, e notate che la spia luminosa lampeggerà di blu, significa che la temperatura ha superato una certa soglia oppure il caricatore wireless ha rilevato degli oggetti metallici fra il vostro telefono e lui stesso. Entrando più nello specifico, il wireless charger di Anker propone un input da 5V 2A e un output da 5V 1A.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Prestazioni

Come di consueto, ho testato anche l’Anker PowerPort Wireless 5 Pad con il mio Samsung Galaxy Note 8 ricaricandolo, da spento, dal 15% al 100% utilizzando l’Adaptive Fast Charging. Anche in questo caso, ho confrontato i risultati dei test con quelli ottenuti usando il caricatore originale di Samsung.

Ecco le prove nel dettaglio:

  • Caricatore originale standard: 2 ore e 33 minuti
  • Anker PowerPort Wireless 5 Pad: 2 ore e 51 minuti
  • Anker PowerPort Wireless 5 Pad con cover Spigen Liquid Air: 2 ore e 53 minuti

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Conclusioni

Dopo aver testato il caricatore wireless di Anker, posso concludere questa recensione, purtroppo, con un voto quasi negativo. A livello di prestazioni, l’Anker PowerPort Wireless 5 Pad è riuscito a caricare senza problemi in modalità standard il mio Samsung Galaxy Note 8. Preciso, però, che la differenza nei tempi di ricarica fra il caricatore wireless originale di Samsung e il modello di Anker è risultata di 20 minuti.

Diciamo che mi aspettavo molto di più da un prodotto di questa azienda dato che ho avuto modo di provare tantissimi wireless charger di altri brand (come Spigen e Choetech). Il design generale è abbastanza elegante con la sua semplicità ma purtroppo i due pannelli in gomma trattengono davvero tanto le impronte.

Se ciò non bastasse, applicando una leggera pressione, la scocca del caricatore scricchiola parecchio. Mettendo da parte il fatto che bisogna portarsi dietro un secondo cavo dato che il PowerPort Wireless 5 Pad utilizza ancora lo standard micro USB, il prezzo di vendita è abbastanza alto considerando che ci sono sul mercato altre alternative.

Ad esempio, su Amazon può essere acquistato allo stesso prezzo il nuovo Spigen Essential F301W che tra l’altro propone pure il supporto alla ricarica wireless fast. In ogni caso, la base in gomma e la piastra superiore sempre in gomma permettono al caricatore wireless di Anker di mantenersi in una posizione davvero stabile e di “fissare” lo smartphone durante la fase di ricarica.

Anche se si tratta di una ricarica standard, segnalo che non ha scaldato per nulla. Altre cose che ho apprezzato di questo prodotto sono le sue dimensioni e il posizionamento della spia di funzionamento.

Quest’ultima, infatti, non viene coperta dallo smartphone e quindi potrete capire quando la ricarica è stata completata oppure se è ancora in corso. Sarebbe un prodotto interessante se venisse venduto a circa 10 euro. Alla fine, a questo prezzo non lo consiglio assolutamente.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad – Prezzo

L’Anker PowerPort Wireless 5 Pad può essere acquistato su Amazon ad un prezzo di 15,99 euro con spedizione gratuita tramite abbonamento Prime.

Anker PowerPort Wireless 5 Pad recensione