Wind e fatturazione mensile: aumento costi e soglie per gli abbonamenti

Le imposizioni legislative del 4 Dicembre 2017 in materia di fatturazione hanno indotto i primi cambiamenti anche in Wind che rende ufficiale, dalla data odierna, il passaggio ad un meccanismo bimestrale con vantaggi e svantaggi sui quali proviamo a fare il punto.

Rinnovo bimestrale: le scelte di Wind per abbonamenti e ricaribili

La scelta dell’operatore mobile farà sicuramente discutere, spaccando l’opinione pubblica, con il passaggio alla tariffazione mensile su base bimestrale grazie ad un calcolo passato dai 56 giorni (ovvero tariffazione a 28gg) ai parametri del mese solare.

Abbonamenti Wind e tariffazione mensile
Novità sulla tariffazione mensile degli abbonamenti Wind.

In termini pratici il tutto si traduce con rincari dell’8,6% della spesa ai quali però, e diversamente dai competitors come Vodafone e TIM, non seguirà un allineamento delle soglie bensì un graduale e conseguente incremento pari al 10% attuo ovviamente a giustificare il piccolo incremento di spesa.

Un piccolo aumento di costo al quale, quindi, corrisponderà un piccolo aumento di minuti e GB nei rispettivi piani. E’ però importante prestare attenzione poichè le novità saranno valide, per adesso, esclusivamente per gli abbonamenti Wind lasciando un alone di dubbio relativamente le offerte ricaricabili.

Abbonamenti Wind: come cambiano i costi e come calcolarli

Gli utenti in possesso di abbonamenti vedranno quindi ridotti i rinnovi da 13 a 12 per i propri pacchetti a partire dal 5 Aprile 2018, attraverso un processo di transizione che potrebbe generare confusione.

Tariffazione mensile degli abbonamenti Wind.
Simulatore costi e soglie Wind

A tal proposito è stato reso disponibile un simulatore di offerte tramite il quale poter calcolare il costo abbonamenti, ottenendo una valida previsione su incremento di spesa e di soglie relativo il proprio piano dati, non facendosi trovare impreparati.

Eccezioni: la normativa cambia in base al piano tariffario Wind, i dettagli

Non mancano però delle eccezioni, in alcuni particolari casi la rimodulazione di fatturazione mensile si tradurrà in un risparmio del 7,9% a parità di soglie dati (inalterati).

Di seguito vi forniamo l’elenco delle offerte interessate dalla riduzione:

Abbonamenti Wind soggetti invece a riduzione.
Abbonamenti Wind soggetti invece a riduzione.

Vi ricordiamo inoltre la possibilità di recedere dalle condizioni contrattuali entro 30gg, prima del 5 Aprile, passando ad un altro operatore senza penali/costi disattivazione come indicato nella relativa pagina alla sezione Condizioni di recesso.

Fonte: Modifica Condizioni Contratto a partire dal 5 Aprile 2018 – Wind Italia