Twitter: il social network testa il limite dei caratteri a 280 parole

Molti saranno sicuramente entusiasti di sentire che Twitter nelle ultime ore ha avviato i primi test riguardo alla possibilità di creare un tweet da 280 caratteri. Questo sarebbe il doppio del limite corrente di 140 parole per un messaggio, che non ha visto cambiamenti dal 15 luglio 2006, giorno del debutto ufficiale del social network celeste.

Purtroppo, attualmente soltanto una piccola percentuale di utenti di Twitter potranno avere la possibilità di usufruire di 280 caratteri come limite a partire dalle prossime settimane. Nel caso in cui risultasse un’introduzione apprezzata da tutti, il limite massimo sicuramente sarà esteso a tutti gli utenti del servizio.

Twitter test 280 caratteriTwitter: avviati i primi test sui tweet da 280 caratteri

Non tutte le nazioni sono coinvolte nel test. Infatti, coloro che scrivono tweet in giapponese, cinese e coreano sono stati lasciati fuori dalla prova. Tuttavia, gli sviluppatori hanno scoperto che una persona che parla una di queste tre lingue è capace di trasmettere più informazioni in un solo carattere rispetto, ad esempio, alla lingua inglese.

Per esempio, Twitter ha scoperto che un tweet scritto in inglese raggiunge prima il limite dei 140 caratteri rispetto a un messaggio scritto in lingua giapponese. Altri dati rivelati dal social network dimostrano che la maggior parte dei tweet giapponesi sono costituiti da massimo 15 caratteri mentre quelli inglesi sono composti in media da almeno 34 caratteri.

Twitter fa notare anche che molti utenti potrebbero avere un attaccamento emotivo al limite avuto fino ad ora. Altri, invece, lo considerano come un fastidio che impedisce loro di comunicare un proprio pensiero o scrivere una dichiarazione in un unico tweet. Una volta che il limite passerà a 280 caratteri a tutti gli utenti della piattaforma social, vedremo le conseguenze che porterà alle persone.

Twitter test 280 caratteri