Chuwi Hi-Dock recensione

Chuwi Hi-Dock, il caricatore da scrivania per caricare fino a 4 device | Recensione

Chuwi è uno dei tanti brand cinesi che negli ultimi anni sta aumentato la sua presenza nel mercato. Recentemente, ha presentato dei dispositivi davvero interessanti. In generale, parliamo di una società che produce tablet, convertibili 2-in-1 e laptop dal prezzo abbastanza contenuto in relazione alle caratteristiche offerte.

Qualche mese fa, tuttavia, il brand asiatico ha presentato un gadget davvero interessante chiamato Chuwi Hi-Dock. Si tratta di un caricatore da scrivania dotato di ben 4 porte USB per poter ricaricare smartphone e tablet. In questa recensione di oggi lo analizzeremo nel dettaglio.

Contenuto della confezione

All’interno dell’elegante box di vendita, in cartonato bianco, troviamo l’Hi-Dock, una scatola contenente il cavo con presa europea per alimentare il gadget e un piccolo manuale delle istruzioni in lingua inglese e cinese.

Design e qualità costruttiva

Il Chuwi Hi-Dock è stato realizzato interamente in plastica ma di buona fattura che presenta un rivestimento lucido. La sua forma generale ricorda molto il caricatore Apple dei MacBook. Sulla parte frontale troviamo delle leve dove all’interno trovano posto 4 porte USB per ricaricare i vostri device. Le leve possono essere utilizzate anche come supporto per i terminali che andrete a caricare. Sempre sulla parte frontale troviamo impresso il logo dell’azienda.

Sul lato destro è presente l’ingresso AC per collegare il cavo con spina EU. Sulla parte posteriore, infine, ci sono le varie specifiche del prodotto e 4 gommini che permettono al Chuwi Hi-Dock di rimanere in una posizione stabile.

Il cavo con presa europea presenta una lunghezza di 1.5 metri e dispone di una struttura abbastanza spessa per assicurare un funzionamento nel lungo periodo. Troviamo anche un pratico laccio per avvolgere il filo e riporlo nella borsa o nello zaino assieme al caricatore. Parlando di numeri, il caricatore da scrivania misura 80 × 80 × 29 mm e pesa 141.6 grammi.

Caratteristiche

Il Chuwi Hi-Dock propone un metodo davvero intelligente per consentire di ricaricare i vostri dispositivi velocemente. Le quattro leve, secondo quanto riportato dall’azienda, hanno attraversato un test di oltre 30.000 switch. Queste, oltre a fungere da supporto, permettono di proteggere le porte dalla polvere e dagli spruzzi d’acqua.

Come riportato nel paragrafo precedente, i 4 gommini, posizionati sulla parte posteriore, sono antiscivolo e garantiscono una migliore stabilità quando si poggia il Chuwi Hi-Dock su una superficie piana.

A differenza dei caricatori verticali, è possibile collegare e scollegare il cavo USB con una sola mano, almeno secondo quanto dichiarato dall’azienda. Uno dei punti forti di questo interessante gadget è il design poiché presenta delle dimensioni davvero compatte che permettono di trasportarlo facilmente in borsa.

Chuwi Hi-Dock recensioneEntrando più nello specifico, una delle 4 porte USB implementate sull’Hi-Dock dispone della tecnologia di ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0. Questa consente di ricaricare rapidamente i dispositivi compatibili sfruttando una corrente in uscita da 5V 3A, 9V 2A e 12V 1.5A.

Le altre 3 porte, invece, sono dotate della tecnologia AiCharge sviluppata dalla stessa azienda. Questa permete una potenza in uscita di 5V 2.4A ciascuna. Naturalmente, le 3 porte dispongono di una feature che permette di trasmettere la giusta velocità di ricarica al device che andrete a collegare ad esse.

Per quanto riguarda la potenza di input, il Chuwi Hi-Dock offre dei parametri AC 100-240V 50/60 Hz 0.85A. La base di ricarica è stata ufficialmente certificata dalla FCC negli Stati Uniti, dagli enti CE e RoHS in Europa e inoltre dispone dell’autorizzazione ufficiale fornita da Qualcomm per utilizzare la tecnologia Quick Charge 3.0.

Chuwi Hi-Dock recensionePrestazioni

Ho testato il Chuwi Hi-Dock ricaricando tre dispositivi contemporaneamente, fra cui uno Xiaomi Mi Max 2 collegato alla porta QC 3.0. Il dispositivo è riuscito davvero a soddisfarmi grazie alle sue prestazioni interessanti. In generale, non sono presenti dei difetti di sorta.

Avrei preferito, però, una costruzione meno di plastica dato che, soprattutto in questi giorni abbastanza caldi, viene prodotto una maggiore quantità di calore. Durante la ricarica di 3 device, infatti, il gadget ha raggiunto una temperatura di 54,5° al centro della base.

Ricaricando 4 dispositivi alla volta, infatti, il Chuwi Hi-Dock inizia a riscaldarsi parecchio, riuscendo comunque a mantenere le sue performance. Purtroppo devo smentire la società riguardo all’utilizzo del caricatore con una sola mano.

Anche se è possibile aprire le levette con facilità utilizzando due dita, purtroppo sfilare il cavo USB da una delle 4 porte richiede per forza l’ausilio della seconda mano per bloccare il caricatore. Assente anche un indicatore LED che notifica l’utente del suo funzionamento.

Chuwi Hi-Dock recensione

Conclusioni e prezzo

Il Chuwi Hi-Dock può essere considerato la soluzione ideale per chi cerca un caricatore da scrivania compatto, elegante e soprattutto comodo. Una delle sue peculiarità è la posizione delle 4 porte disposte sulla parte superiore e non magari sui lati. Quest’ultima disposizione, infatti, avrebbe aumentato il suo ingombro.

L’ingresso Qualcomm Quick Charge 3.0 è sicuramente un must e servirà a tutti quegli utenti che possiedono un terminale compatibile con questa versione della ricarica rapida o con le precedenti 2.0 e 1.0.

Come già detto poco fa, personalmente avrei utilizzato dei materiali di migliore qualità per la sua costruzione, anche se potrebbe essere proprio questa plastica bianca lucida a dargli una struttura davvero elegante che ricorda il caricatore da parete dei MacBook. Dimenticatevi di utilizzare il caricatore da scrivania soltanto con una mano e inoltre non riuscirete a capire il suo funzionamento poiché non è presente un LED di notifica.

Il Chuwi Hi-Dock con 4 porte USB e cavo con presa europea può essere acquistato presso i seguenti store online:

Chuwi Hi-Dock recensione

Pro

Contro

  • Design compatto e leggero
  • Porta con Qualcomm Quick Charge 3.0
  • 4 porte disposte sulla parte superiore e non sui lati
  • Levette che fungono da supporto per i device in carica
  • 4 gommini per una posizione davvero stabile
  • Ottime performance
  • Cavo con presa EU
  • Design poco originale
  • Materiali abbastanza cheap
  • Assenza di un LED di notifica
  • No garanzia
  • Disponibile solo su store internazionali