Google riconoscimento vocale

Google migliora il riconoscimento vocale: ora offre una precisione del 95%

Google è riuscita a migliorare notevolmente il riconoscimento vocale. Adesso, infatti, è in grado di comprendere il linguaggio umano con una precisione del 95%.

Oltre ad essere molto utile per gli utenti, la funzione viene sfruttata su Google Assistant, quest’ultima aggiunta sempre più sugli smartphone Android. Assistant viene considerato l’assistente personale intelligente facente parte di Allo, ossia l’ultima applicazione di messaggistica sviluppata dal colosso del web.

Google riconoscimento vocale

Google: il riconoscimento vocale è sempre più preciso

Google è riuscita a migliorare la comprensione del linguaggio del suo riconoscimento vocale del 20% a partire dal 2013. Secondo Mary Meeker, partner di Kleiner Perkins Caufield & Byers, il miglioramento del software di riconoscimento vocale è accaduto molto velocemente. In circa 4 anni, la società con sede a Mountain View ha quasi perfezionato la feature.

In base ad alcuni studi, tale traguardo è avvenuto grazie alla valorizzazione degli algoritmi di apprendimento, in grado di riconoscere il discorso e rispondere di conseguenza. Al 2010, la precisione del riconoscimento vocale era soltanto a circa il 70%; tuttavia, è stato portato al 90% 6 anni dopo, ovvero nel 2016.

Google riconoscimento vocale

Meeker ha anche dichiarato che le query vocali stanno iniziando a superare le domande online. Oltre il 20% delle query nella telefonia mobile sono fatte attraverso la voce. In questo modo, ad esempio, Google Chrome è diventata un’app capace di riconoscere il discorso, permettendo all’utente di digitare messaggi di posta elettronica, lunghi testi e altro ancora senza nemmeno dover toccare la tastiera.

Meeker ha osservato che la maggior parte degli strumenti di riconoscimento vocale sono ancora complicati da utilizzare ma, quando si raggiungerà una precisione vicina al 100%, allora le persone inizieranno ad utilizzarli spesso, o almeno questo è quello che si aspetta il partner di Kleiner Perkins Caufield & Byers.

A parte il software di riconoscimento, Google vuole includere altre funzioni nella maggior parte dei sui prodotti, come ad esempio un assistente vocale per il mobile e per l’home. Con questi miglioramenti, l’azienda sta cercando di aiutare i suoi utenti a muoversi verso un futuro dove la comunicazione con una macchina sarà identica a quella fatta con un’altra persona.

Google riconoscimento vocale