Gmail

Gmail si serve del Machine Learning per proteggere gli utenti dal phishing

È oramai noto che i fastidiosi ma efficaci attacchi di phishing sono ultimamente in costante aumento, e dopo che Google ha lavorato per fare in modo di rendere più sicuro il proprio client di posta Gmail, ha deciso di intraprendere un ulteriore importante passo in tale direzione. La grande azienda della Silicon Valley, ha infatti annunciato che è stata implementata la funzionalità di machine learning per la diagnosi precoce di possibili attacchi malevoli.

Google vuole azzerare il phishing grazie all’avanzata tecnologia del machine learning

Ma l’innovativa tecnologia d’intelligenza artificiale non rappresenta l’unica novità, sono stati introdotti infatti anche degli avvisi riguardo possibili link malevoli allegati nelle email, messaggi di avvertimento se viene effettuata un’email di risposta ad un contatto non in rubrica e inedite difese integrate contro nuove minacce.

Le ultime aggiunte di sicurezza su Gmail, sembrano inoltre essere pensate per le imprese e Google stessa afferma che tali nuove funzionalità, aiuteranno ad aumentare sempre più la protezione contro nuove minacce ed azioni fraudolente. Parlando a proposito del machine learning, Google dichiara inoltre che:

“…aiuterà Gmail a bloccare i messaggi di spam e phishing, che vengono visualizzati nella casella di posta, con un’accuratezza superiore al 99,9%”

BigG lo ha definito come un fattore cruciale dato che, secondo le proprie stime, il 50-70% dei messaggi ricevuti su Gmail sono di natura spam.

Gmail

Le nuove implementazioni andranno a tutelare maggiormente la sicurezza delle aziende

Viene precisato anche che, un modello dedicato di machine learning destinato al rilevamento preventivo del phishing, ritarda selettivamente i messaggi al fine di eseguire rigorose analisi e proteggere i dati degli utenti dalle possibili compromissioni di tali azioni fraudolente. Google ha assicurato, in merito ai ritardi di ricezione, che essi avvengono solamente meno dello 0,005% in media di tutte l’email, spazzando via così possibili preoccupazioni a riguardo.

Gmail

Si nota anche che, i moduli di sicurezza della società Californiana, sono integrati con la tecnologia di navigazione sicura di Google, che è in grado di trovare e contrassegnare gli URL sospetti. Viene dichiarato sul blog ufficiale infatti che:

“Questi nuovi modelli combinano una varietà di tecniche come l’analisi di reputazione e di somiglianza sugli URL, consentendo di generare nuovi avvisi di pericolo per gli attacchi phishing e i link con scopo fraudolento. Scoprendo nuovi pattern malevoli più velocemente dei sistemi manuali inoltre, le tempistiche di rilevamento diventano più rapide rispetto al passato”

Al fine di aumentare la consapevolezza della sicurezza all’interno delle aziende, Google ha aggiunto su Gmail un avviso che avverte nel caso in cui il dipendente voglia mandare un’email ad un contatto al di fuori del dominio aziendale. Come affermato dall’azienda, l’intelligenza contestuale consente di capire se il destinatario è un contatto veramente esistente, o qualcuno con cui si ha a che fare regolarmente, evitando così avvertimenti inutili.

Google quindi affida sempre più la protezione all’intelligenza artificiale, prossima ad assisterci efficacemente in molti campi. Lo spam ed phishing hanno i giorni contati? A voi il parere sui commenti.