Samsung Galaxy Note 8: Infinity display, sensore a schermo e 6GB RAM (ma è solo un concept video)

Il prossimo main event in calendario è sicuramente quello relativo la presentazione del futuro Samsung Galaxy Note 8, dispositivo che al di là della storia di gamma vanta un fascino ed attira notevoli attenzioni, specialmente nella fase di sviluppo.

E’ per tali motivi che, nell’attesa di carpire maggiori informazioni direttamente da Samsung sulle caratteristiche, il web si lancia nelle ipotesi più disparate le quali – in alcuni casi – potrebbero non sembrare neppure tanto inverosimili come il seguente concept video.


Leggi anche:Galaxy Note 8: tutte le news trapelate, rumors e scheda tecnica


Samsung Galaxy Note 8, in arrivo funzioni e caratteristiche mancate su Galaxy S8?

L’idea alla base del video è infatti correlata non solo al successo dei nuovi flagship Galaxy S8 e Galaxy S8+ quanto soprattutto all’insieme di funzioni ed innovazioni che il brand coreano avrebbe voluto implementare ma non ha potuto per mancanza di tempi tecnici.

Il concept propone così una versione moderna e potenziata della nuova gamma smartphone Galaxy ma con alcune aggiunte a partire dalla scocca: un unibody in vetro, display full-body con un aspect-ratio anche insolito a 18.5:9 e bordi praticamente inesistenti o – almeno – tanto sottili da non concedere spazio nè per sensori nè per la fotocamera spostando il sensore impronte digitali al di sotto del display (a schermo).

L’ipotesi delle caratteristiche tecniche del Samsung Galaxy Note 8 è invece interessante, sfiorando il verosimile:

  • Processore Exynos 8895 o Qualcomm Snapdragon 835 (a seconda dei mercati di lancio)
  • 6GB RAM e 64GB storage
  • Display 6.3” QHD+
  • Fotocamera posteriore da 13 megapixel con doppio sensore e teleobiettivo

Leggi Anche: “Galaxy Note 8: rumor su doppia fotocamera con zoom ottico 3X e teleobietivo da 13MP


Tra fantasia e realtà, il futuro della gamma Galaxy Note tra novità e tradizioni

Tra gli elementi che non mancano nel concept video, ed appartenenti alla storia di questa gamma, vi è anche l’S-Pen sebbene – vista la sottigliezza del dispositivo – sarebbe curioso di capire in che modo questa possa legarsi allo spessore.

Proprio tale punto riprende un discorso vitale per Samsung, ovvero la necessità di non perdere di vista l’identità che il futuro Samsung Galaxy Note 8 dovrà vantare rispetto una rinnovata (e crediamo più forte) serie smartphone Galaxy S pronta a prendere il sopravvento.