Qualcomm Snapdragon 630 e Snapdragon 660

Qualcomm annuncia i nuovi SoC Snapdragon 630 e Snapdragon 660

Qualcomm ha annunciato poche ore fa due nuovi processori appartenenti alla serie Snapdragon 6xx durante un evento tenutesi a Singapore. I due nuovi chip sono conosciuti con i nomi di Snapdragon 630 e Snapdragon 660.

Il primo SoC è il successore diretto dello Snapdragon 626 mentre il secondo dello Snapdragon 653. Questi due processori sono piuttosto simili tra di loro ma hanno alcune differenze fondamentali. Partendo dal presupposto che il 660 è il chipset più potente fra i due, entrambi sono basati sui core Kryo 260, prodotti interamente da Qualcomm. Parliamo, dunque, di due chip con CPU octa-core in configurazione big.LITTLE.

Qualcomm Snapdragon 630 e Snapdragon 660

Qualcomm Snapdragon 630 e 660: l’azienda presenta due nuovi chip a 14 nm

Mentre lo Snapdragon 660 è supportato dalla GPU Adreno 512, lo Snapdragon 630 è affiancato dalla scheda grafica Adreno 508. Il chip maker ha deciso di produrre i due nuovi SoC della serie Snapdragon 6xx utilizzando un processo produttivo a 14 nm, quindi sono un pochetto più grandi dello Snapdragon 835 a 10 nm.

Assieme a questi nuovi chipset troviamo un modem LTE X12 in grado di fornire una velocità massima in download fino a 600 Mb/s (ovviamente se la rete è in grado di supportare tale velocità). I due SoC sono affiancati dall’ISP Spectra 160, ovvero l’Image Signal Processor progettato sempre da Qualcomm. Ciò permette di ottenere una migliore elaborazione delle immagini sia con lo Snapdragon 630 che con lo Snapdragon 660.

Grazie allo Spectra 160, lo smartphone potrà mettere a fuoco in maniera più precisa i vari oggetti. A questo si unisce una nuova stabilizzazione elettronica dell’immagine EIS 3.0 che Qualcomm definisce una “stabilizzazione video di grado superiore”. Per quanto riguarda il consumo di energia, lo Snapdragon 660 è leggermente più efficiente del 653, il processore che va a sostituire.

Qualcomm Snapdragon 630 e Snapdragon 660

Quick Charge 4.0, Bluetooth 5.0 e altro ancora

Secondo Qualcomm, dovrebbe essere possibile ottenere circa 2 ore in più di autonomia con il 660 rispetto allo Snapdragon 653. Altri dati riportati dall’azienda rivelano un extra di 24 ore di chiamate e oltre 10 ore di riproduzione video in 4K.

Naturalmente, questi numeri sono relativi e dipendono da altri fattori, come ad esempio la capacità della batteria dello smartphone. Introdotta per la prima volta sullo Snapdragon 835, sugli ultimi processori dell’azienda troviamo anche la tecnologia di ricarica rapida Quick Charge 4.0. Questa permette di ottenere 5 ore di utilizzo dal vostro smartphone con una carica di soli 5 minuti.

Altre caratteristiche supportate dai nuovi chip includono Bluetooth 5.0, USB Type-C 3.1 e display QXGA 2048 x 1536 pixel sullo Snapdragon 630 e pannelli QHD sullo Snapdragon 660. Qualcomm sostiene che i primi dispositivi mossi da entrambi i nuovi SoC dovrebbero giungere sul mercato prima del terzo trimestre del 2017.