Le dieci cose che Samsung Galaxy S8 può fare rispetto iPhone

E’ indubbio come uno degli aspetti di maggior interesse al lancio di un nuovo dispositivo riguarda l’offerta funzionale, un discorso tanto valido per il Samsung Galaxy S8 da spingere chiaramente a comparazioni illustri.

L’analisi odierna, all’interno dei vertici di mercato ai quali il nuovo flagship coreano appartiene di diritto, si focalizza con un veloce confronto verso iPhone, ovvero uno dei dispositivi più venduti oltre che primario competitors nel campo smartphone di Samsung.

Samsung Galaxy S8 offre più funzionalità di qualsiasi iPhone, permettendovi di fare dieci cose che non Apple non potreste

Non si tratta esclusivamente di un confronto nato dal dualismo Android vs iOS, il confronto Galaxy S8 vs iPhone è un buon modo per comprendere cosa i due dispositivi hanno da offrire dal punto di vista tecnico-funzionale.

Se vi state chiedendo cosa acquistare tra Samsung Galaxy S8 o iPhone, allora la seguente analisi potrebbe darvi dieci buone ragioni per puntare al top di gamma coreano rispetto il competitor di Cupertino.

Riconoscimento dell’iride: la sicurezza che nessun sensore d’impronte potrà emulare

Il nuovo step nella corsa evolutiva alla sicurezza è decisamente segnato dell’implementazione del meccanismo di riconoscimento iride che, a detta degli esperti, pare esser decisamente più sicuro di qualsiasi sensore d’impronte presente su iPhone.

Sblocca schermo col riconoscimento facciale: più veloce e rapido di qualsiasi altro sistema

Sulla base di quanto espresso per il riconoscimento dell’iride, il face unlock piccolo fallimento Google nell’implementazione nativa di Android – proposto da Samsung offre maggiore velocità e praticità di qualsiasi codice PIN, sblocco a scorrimento o sensore d’impronte, ovvero le uniche opzioni presenti su iPhone.

Ricarica wireless: da un sistema esclusivamente “Cool” ad un meccanismo funzionale e celere

Il wireless charging si sta rapidamente diffondendo non solo tra i top di gamma quanto anche nel segmento medio, il lavoro svolto dal colosso coreano col Samsung Galaxy non vi offre solo una base wireless ma anche un meccanismo di fast charge che non è ovviamente presene su iPhone.

Jack Audio: il classico che non tradisce, economico ed universalmente riconosciuto

Sarebbe inutile spendere troppe parole per descrivere l’ancora utilità della presenza di un jack cuffie 3.5mm, permettendovi di ascoltare musica con qualsiasi tipologia di cuffia in possesso senza limitazioni di sorta che invece vengono generate dalla sua assenza su iPhone.

Sensore di riconoscimento del battito cardiaco: un optional che non guasta

Si tratta decisamente di una delle funzionalità più discusse nell’ottica generale del comparto smartphone, eppure la presenza del sensore battito cardiaco non guasta mai specialmente se collocata sul retro semplificandone l’utilizzo.

Pagamenti contactless: Samsung Pay estende la copertura ai lettori di carte magnetiche

Uno dei punti di forza di Samsung Galaxy S8 rispetto iPhone riguarda le possibilità offerte dalla compatibilità coi lettori di carte magnetiche per i pagamenti digitali, una funzione da non sottovalutare vista la difficoltà e lentezza di diffusione dei nuovi meccanismi digitali basati su NFC presso la maggior parte degli esercenti italiani.

Samsung Dex Station: smartphone e PC in un unico elemento, facilmente convertibili

La possibilità di trasformare lo smartphone in un perfetto personal desktop computer è una delle principali attrattive del top di gamma coreano che offre tale funzionalità grazie alla specifica doc – particolarmente ispirata a Microsoft Continuum – e che manca attualmente ad iPhone.

Realtà virtuale col Gear VR: tante soluzioni e collaborazioni illustri

Il peso che la realtà virtuale giocherà nel campo mobile non è ancora certo, ciononostante la presenza di tale funzionalità è certamente apprezzabile e Samsung ha sviluppato un buon apparato col Gear VR forte anche di collaborazioni illustri come quella con Facebook.

Tanto schermo e scelta: Galaxy S8 ed S8 Plus offrono due scelte per accontentare tutti

Quest’ultima rappresenta senza dubbio una preferenza soggettiva, il peso che però il display gioca in termini d’uso e piacevolezza incide non poco dimostrando come le opzioni da da 5.8” e 6.2” – agevolate anche dalla riduzione dei bordi dell’Infinity display – fungano meglio dei contenuti 4.7” e 5.5” di iPhone 7 e 7 Plus.

Bixby: l’assistente digitale che si propone di controllare hardware ed internet come nessuno prima d’ora

Altro aspetto da considerare riguarda la presenza dell’assistente digitale made by Samsung, sebbene anche iPhone vanti nativamente Siri resta da sottolineare come Bixby sia un progetto ambizioso capace di controllare un sistema hardware e software (quasi del tutto) proprietario come Apple non pare esser riuscita a fare, il tutto con tantissime funzionalità pratiche e veloci.