GBoard

GBoard si aggiorna alla versione 6.2 e porta con sé interessanti novità

L’ultima beta di GBoard destinata ad Android si aggiorna alla versione 6.2 e porta con se nuove funzionalità e ritocchi estetici. Con l’ultimo aggiornamento è stata aggiunta la possibilità di attivare una modalità di trascinamento libero della tastiera e i bordi dei tasti, riprendendo esteticamente la keyboard di iOS, presentano adesso un contorno con aspetto stondato. Ma andiamo a vedere più nel dettaglio tutte le novità!

Spostamento rapido nei testi, ridimensionamento della tastiera e traduzione istantanea

Tappando sull’icona di Google in alto a sinistra è possibile abilitare un pad virtuale ottimizzato per la navigazione veloce nei testi, dotato anche dei comodi pulsanti “copia”, “incolla” e “seleziona tutto”, nonché dei tasti freccia che permettono di muoversi rapidamente col cursore saltellando da parola a parola.

Ma la novità più rilevante, come precedentemente detto, è la possibilità di trascinare la tastiera nello spazio delimitato ad essa. Dopo essere entrati nella modalità one hand, raggiungibile dalle impostazioni rapide dopo aver tappato il simbolo Google, è possibile trovare il nuovo pulsante in ultima posizione nella sidebar laterale, il quale attiva un riquadro in overlay con tre tasti: quello centrale permette di spostare e ridimensionare la tastiera con valori personalmente più consoni, da confermare poi con il tasto posto a destra, mentre il tasto sinistro consente di ripristinare le impostazioni predefinite.

È anche possibile personalizzare la toolbar a scomparsa di Gboard: basterà disattivare il toogle col simbolo di Google dalle impostazioni (nel sottomenu Ricerca sarà necessario tappare su “Mostra il pulsante ricerca e altro”), per poter trovare al suo posto una freccia che una volta premuta lascerà spazio a dei pulsanti che permetteranno di riposizionare i toggle uno per uno.

Se la GBoard viene usata nel contesto dell’app Google, il pulsante della virgola posto a sinistra diventerà un toggle di Google Traduttore, per consentire la traduzione istantanea di un eventuale testo digitato in lingua straniera.

Le novità non sembrano essere finite, perché all’interno del codice sorgente dell’apk sono state scoperte delle tracce di nuove funzioni, che riguardano una modalità di scrittura a mano libera ed addirittura la modalità in incognito, la quale permette di evitare che una parola cercata accidentalmente finisca nel dizionario dei suggerimenti.