Recensione Doogee Y6

Doogee Y6: è il solito smartphone cinese? Scopriamolo!

I marchi cinesi spuntano da ogni angolo e per riuscire ad emergere sul mercato offrono agli utenti un rapporto qualità/prezzo ineguagliabile. Le recensioni per gli utenti di Android Caotic non finisco mai e questa volta abbiamo provato per voi Doogee Y6. Lo smartphone avrà soddisfatto le nostro aspettative? Scopriamolo insieme in questa recensione!

Doogee Y6 – Video recensione

Confezione e dotazione

Doogee Y6

La confezione realizzata dall’azienda, per la colorazione Agate Red che abbiamo provato, è di colore rosso. All’interno della scatola, oltre ad essere contenuto lo smartphone, è presente una pellicola normale, una in vetro, le cuffie, il cavetto Micro USB, la presa da muro, il libretto di istruzioni ed un accessorio adesivo che si attacca al retro dello smartphone per migliorarne la presa.

Di solito i produttori cinesi che propongono i loro smartphone low cost in Europa decidono di non includere all’interno della confezione tutti questi accessori. Doogee invece è riuscita a distinguersi e siamo molto contenti di questa scelta dato che anche gli accessori contribuiscono al giudizio finale e all’esperienza utente.

Doogee Y6 – GearBest

Acquista - GearBest

Doogee Y6 è disponibile su GearBest ad un prezzo di 103 euro.

Design

Doogee Y6

Il design di Doogee Y6 è bello come pochi nonostante si tratti di uno smartphone proposto ad un prezzo molto concorrenziale. Il materiale utilizzato per la realizzazione è il metallo e l’azienda ha puntato molto sull’aspetto esteriore, fornendogli un aspetto da top di gamma.
Per riuscire ad attrarre più utenti, la società, ha deciso di realizzare e commercializzare alcune colorazioni inedite come quella che stiamo analizzando.

La sensazione che si ha a contatto con il metallo è davvero eccellente. Non sembra uno smartphone proposto ad un prezzo molto basso, sembra di essere a contatto piuttosto con un terminale destinato alla fascia medio-alta. La colorazione Agate Red è secondo il nostro punto di vista la più bella in assoluto tra quelle proposte.

Le dimensioni dello smartphone lo rendono facile da utilizzare con una sola mano. Lo spessore (8.5 mm) e il peso (197 g) sono leggermente sopra la media.

Sotto la luce del sole il terminale è complice di un bellissimo gioco di luci che lo rendono perfetto nel suo genere.

Sul lato destro è presente il bilanciere del volume e il tasto di accensione; in alto è posizionato il jack audio da 3.5 mm; sul lato sinistro è presente lo slot per inserire la scheda SIM e la MicroSD; in basso è presente lo speaker e la porta Micro USB. Il lettore per le impronte digitali è posizionato invece sul retro.

In finale possiamo ritenerci molto soddisfati dal design proposto da Doogee. Infatti l’azienda, dopo le critiche ricevute per il design dei suoi vecchi terminali ha deciso di utilizzare processi più laboriosi per la produzione di Doogee Y6 e possiamo dire che questa scelta si è dimostrata vincente.

Display

Doogee Y6

Il display da 5,5″ HD con risoluzione 720×1280, sulla carta, non rappresenta nulla di eccezionale. Tuttavia, con molta sorpresa, durante l’utilizzo quotidiano ci ha soddisfatto molto, sempre però in relazione al prezzo a cui viene venduto. Siamo di fronte ad uno schermo molto brillante sotto la luce del sole, con degli ottimi angoli di visuale. Nulla da dire per quanto riguarda i colori che sono molto bilanciati e vivaci.
Nonostante lo smartphone venga proposto ad un prezzo di appena 100 euro, il tempo di risposta del touch è davvero elevato.

Sono da segnalare in quanto nota negativa, però, le cornici poco ottimizzate che lasciano a desiderare. Inoltre, il trattamento oleofobico che è stato riservato per il terminale non è il massimo.

Hardware e prestazioni

Doogee Y6

Doogee Y6 è equipaggiato da un processore Mediatek MT 6750, da una GPU Mali T860, 16 GB di memoria interna ed infine 3 GB di RAM.

La scheda tecnica di questo terminale non solo promette bene sulla carta, ma anche durante l’utilizzo quotidiano. Infatti, durante le nostre prove nonostante il software non è stato ottimizzato al massimo, abbiamo avuto delle ottime prestazioni. In particolare, durante l’esecuzione di giochi più laboriosi, non abbiamo riscontrato rallentamenti.

In conclusione possiamo dire che Doogee non si è risparmiata sul processore ma crediamo che 16 GB di memoria interna siano davvero diventati illegali nel 2017. È però vero che l’azienda ha messo a disposizione l’espansione tramite scheda MicroSD.

Doogee Y6 è dotato di una connettività LTE ed è presente anche la famosa banda da 20 che crea problemi negli smartphone da importare. Presente inoltre il Wi-Fi ed il Bluetooth 4.0. Per testare il Wi-Fi abbiamo provato lo smartphone con un gioco online. Abbiamo constato che il Wi-Fi non è stabile e parecchie volte tende a perdere segnale più frequentemente rispetto ad altri terminali. Assente, invece, il LED di notifica.

Quello che ci ha stupito maggiormente è il sensore per le impronte digitali posto sul retro. Lo sblocco tramite il sensore biometrico è molto veloce anche se non in linea con gli smartphone top di gamma. Capita quasi mai che lo smartphone non riconosca l’impronta digitale. Il sensore biometrico posteriore è dotato inoltre di 6 funzionalità: Controllo della fotocamera, controllo della galleria, sblocco, controllo della musica, controllo dei video ed infine blocco delle applicazioni.

Durante l’esecuzione di VainGlory, dopo alcuni minuti, il dispositivo tende a scaldare leggermente sul retro.

Audio e ricezione

Doogee Y6

Per nostra fortuna lo speaker è stato posto in basso invece che sul retro. Quindi anche se poggiamo lo smartphone su una superficie non avremo problemi durante la riproduzione. Lo speaker presenta un’ottima calibrazione del suono. C’è infatti una buona gestione di bassi, medi ed alti. Avemmo però preferito dei bassi più prorompenti. Arrivati a questo punto potremmo dire di trovarci davanti ad un ottimo terminale, tuttavia, non è tutt’oro quel che luccica. La potenza del suono, infatti, è secondo il nostro punto di vista abbastanza deludente. La calibrazione di per sé è buona ma avremmo preferito, in sostanza, un suono più potente per poterne beneficiare durante le nostre prove.

Buona la ricezione e l’audio in chiamata che durante le nostre prove ci hanno soddisfatto appieno.

Autonomia

Doogee Y6

La batteria integrata è un’unità da 3200 mAh. Certo, si poteva gestire meglio lo spazio all’interno del terminale e introdurre una maggiore batteria, ma perché lamentarsi se siamo comunque riusciti a raggiungere una giornata intensa di utilizzo?

Infatti, durante i nostri test, abbiamo utilizzato intensamente il terminale e, nonostante questo, siamo comunque riusciti ad arrivare a sera tranquillamente senza avere segni di cedimento da parte della batteria o improvvisi abbassamenti di percentuale.

Software

Troviamo al momento dell’accensione, su Doogee Y6, la versione 6.0 di Android Marshmallow. L’ottimizzazione software c’è a bordo di questo terminale?

Di sicuro sono presenti un bel po’ di funzioni che l’azienda ha deciso di integrare per migliorare l’esperienza utente. Molto importante è la funzionalità che ci permette di avere uno schermo rimpicciolito pronto per essere utilizzato con una sola mano, facendo semplicemente uno swipe orizzontale sui tre pulsanti a sfioramento posizionati in basso.

Importante anche la gesture a schermo spento che ci permette di attivare il display dello smartphone in due tocchi.

La personalizzazione ha reso la nostra esperienza con questo smartphone assolutamente fantastica, l’ottimizzazione un po’ meno dato che qualche piccolo rallentamento ogni tanto c’è stato.

Fotocamera

Doogee Y6

Doogee Y6 presenta un sensore fotografico posteriore da 13 MegaPixel e ottica non stabilizzata f/2.9. La fotocamera anteriore è invece un sensore da 8 MP con, a sorpresa, un flash LED.

Le nostre aspettative per questo terminale non erano molte. Tuttavia lo smartphone si comporta più che bene e la fotocamera posteriore è più che sufficiente se le vostre pretese non sono da smartphone top di gamma. Insomma, sempre parlando in relazione al prezzo a cui il terminale viene proposto, non si poteva pretendere di meglio.

Non si può pretendere quindi molto, ma i risultati sono piuttosto discreti. Ovviamente, in notturna, la qualità cala pesantemente ma la fotocamera resta utilizzabile.

Conclusioni

In conclusione non possiamo fare altro che essere soddisfatti dai risultati ottenuti durante le nostre prove da Doogee Y6. Nella fascia di prezzo a cui viene venduto si tratta sicuramente di un best buy.

  • Fabio

    Sono sempre più convinto dell’idea con non per tutti serve più acquistare un top di gamma.

  • Allen He

    doogee release 2 month in advance than red iphone