diminuire traffico dati
Diminuire l'utilizzo del traffico dati è una manna dal cielo per chi ha un piano con poco traffico a disposizione!

Come controllare e diminuire il traffico dati su Android

L’evoluzione degli smartphone, oltre nella capacità di svolgere molteplici funzioni, è da individuare soprattutto nella possibilità di accedere alla rete internet in mobilità, in tutta comodità, tramite diverse tipologie di connessione, ovvero i dati mobile e la rete WiFi, senza le quali anche un top di gamma perderebbe molto del proprio appeal, proponendo però il quesito relativo a come controllare il traffico dati e capire quali applicazioni lavorino in background consumando dati.

Monitorare e limitare traffico dati su Android

Prima di procedere è opportuno comprendere il tipo di strumenti messi a disposizione da Google all’interno di Android, la diversificazione delle azioni può essere variabile in base alle singole interfacce proprietarie dei produttori ma tutti condividono il medesimo concetto di tracciamento del traffico dati che rende il controllo semplice ed accessibile in qualsiasi momento potendo usufruire di una panoramica completa e dettagliata.

 1  Senza utilizzare app di terze parti

In questo caso Android offre degli strumenti completi per il monitoraggio, senza dover installare applicazioni secondarie dal Google Play Store, con un controllo dettagliato per singola applicazione. L’accesso non richiede permessi di root o particolari requisiti essendo tutto già integrato nell’OS in un settore spesso poco utilizzato ma estremamente utile e poco noto alla maggior parte degli utenti, specialmente i principianti.

L’accesso alla sezione di controllo è semplice e veloce, rendendo lo strumento integrato come uno dei migliori sistemi per controllare il traffico dati e le applicazioni che lavorano in background:

  • Per prima cosa è necessario recarsi al pannello “Impostazioni” dove troverai la voce “Utilizzo dati” sulla quale cliccare per poter entrare nel meccanismo di monitoraggio;
  • Una volta cliccato verrai reindirizzato alla schermata specifica, notoriamente impostata per limitare il traffico dati mobile e verificare il consumo in base a specifici lassi temporali, ed al di sotto l’elenco di tutte le applicazioni coinvolte nell’utilizzo dati con le relative percentuali che varieranno selezionando, dalla tabella, dei precisi momenti temporali;
  • Qualora volessi estendere la funzionalità a tutte le tipologie di connessione, includendo anche la rete WiFi, dovrai selezionare la relativa opzione tra le voci, accessibili tramite il menù presente in alto a destra, ricordando però come la visualizzazione e l’eventuale presenza di tale opzione possa variare tra modelli ed interfacce diverse, discorso analogo per la limitazione dell’utilizzo di dati in background;
  • Per controllare il traffico dati di ogni singola applicazione, specialmente quelle in background, basterà cliccare sul nome dell’app nell’elenco presente sotto la tabella di riferimento, così da avere accesso alla scheda dedicata utile per capire quanto e come ogni servizio presente sul tuo dispositivo si regoli nel consumo di rete, limando così spese impreviste sul tuo piano dati.

 2  Utilizzando 3G Watchdog

In alternativa alle opzioni offerte dal sistema Android, sul Play Store è possibile trovare molteplici app utili per tenere traccia dell’utilizzo della rete internet in tempo reale ed eventualmente impostare un tetto massimo oltre il quale bloccare a tutti gli effetti ogni tipo di connessione. Tra queste, 3G Watchdog rappresenta un must tra le app del settore, grazie alla semplicità di configurazione e all’utilizzo intuitivo.

  • Al primo avvio dell’app ti verrà chiesto di configurare i parametri del tuo abbonamento internet e successivamente non sarà necessario compiere altre operazioni, poiché 3G Watchdog rimarrà attiva in background mostrando una notifica persistente con le informazioni sui consumi e regolandosi di conseguenza in base ad essi;
  • Tappando sulla notifica, inoltre, sarà possibile monitorare in tempo reale il consumo dati 3G e Wi-Fi, nonché avere accesso a grafici dettagliati e statistiche di utilizzo raccolte dall’app.

Conclusioni

I vantaggi dell’ottenere un quadro completo sui consumi sono ovvi, grazie alla possibilità di ottenere un controllo per il non superamento delle soglie del tuo piano dati mobile oltre che svelando quali servizi sono perennemente abilitati all’utilizzo di dati, anche se apparentemente disattivati.

Per concludere, utilizzando uno dei metodi sopra descritti potrai avere pieno controllo del traffico dati, tenendo d’occhio le applicazioni che consumano più banda, così da capire come procede l’andamento dei consumi internet.

Per qualsiasi dubbio, domanda o segnalazione non esitare a lasciare un commento utilizzando il box presente a fine articolo.