Comma.ai

Comma.ai trasformerà la vostra auto in una self-driving car per soli 1000 dollari

Giungono novità da George Hotz, il famoso hacker che violò i sistemi di sicurezza di Apple e Sony, recentemente impegnato con la sua nuova startup Comma.ai, che si pone l’obiettivo di realizzare un kit aftermarket in grado di trasformare qualsiasi automobile in un’auto a guida semi-autonoma per l’irrisoria (data l’entità del kit in oggetto) cifra di 1000 dollari, entrando in diretta competizione col sistema di guida assistita Tesla Autopilot.

Da Mountain View a San Francisco senza toccare il volante“, ha dichiarato Hotz. È bene precisare, però, che Comma.ai non trasformerà la vostra auto in veicolo completamente auto-guidato, ma si tratta invece di una tecnologia equivalente al sistema Autopilot sviluppato da Tesla, senza la necessità di acquistare una macchina nuova per tale scopo, bensì dando a chiunque l’opportunità di trasformare la propria, dotandola così di nuove funzionalità avanzate.

A differenza della strada intrapresa da Tesla, le cui auto a guida autonoma sono progettate per rispettare una serie di regole prestabilite, la soluzione adottata da Comma.ai si basa sull’imitazione del comportamento degli altri automobilisti, decidendo ad esempio a che velocità affrontare una curva semplicemente basandosi sulla velocità tenuta dalle altre auto e adattandosi di conseguenza.

Comma.ai
L’integrazione di Comma.ai con gli smartphone Android è un aspetto certamente da non sottovalutare.

L’unico punto a sfavore di Comma.ai, almeno per il momento, è che quest’ultimo non è ancora in grado di riconoscere correttamente la segnaletica orizzontale né tanto meno i semafori. Per porre rimedio a tale problematica, però, Geohot rilascerà Chffr, un’applicazione gratuita, da installare sul proprio smartphone Android che a sua volta andrà posizionato sul cruscotto, che provvederà a registrare i dati da dare successivamente in pasto all’intelligenza artificiale.

Detto ciò, a giudicare dalle ultime dichiarazioni rilasciate, oltre all’acquisto del kit sarà necessario procedere al pagamento di una tassa di abbonamento mensile pari a 24 dollari per l’accesso al software di Comma.ai e ad alcune specifiche caratteristiche in-car, tra cui il servosterzo elettronico.

Al momento del lancio, previsto entro la fine dell’anno, Comma.ai non sarà da subito compatibile con tutte le auto presenti sul mercato, ma nel tempo la compatibilità sarà estesa a più modelli possibili. In ogni caso, Hotz ha assicurato la piena compatibilità con auto del 2012 o precedenti, a patto che siano siano dotate di servosterzo elettronico e sistema di frenata automatico.

comma-ai-2
Comma.ai sarà installabile su qualsiasi Auto!

Nonostante le premesse, però, resta da vedere la fattibilità della cosa, poiché attualmente non esiste alcun quadro normativo che consenta ai veicoli a guida semi-autonoma di circolare, necessitando quindi di permessi speciali (proprio come avviene per Google). Il futuro di questo particolare settore pare quindi essere alquanto incerto, anche se siamo fiduciosi che non sarà necessario attendere molto prima di poter osservare nuovi sviluppi riguardanti questo interessante ed ambizioso progetto.