Photo Credit: Desiree Catani

WhatsApp introdurrà il backup conversazioni in file ZIP e miglioramenti grafici

Nonostante il silenzio delle ultime settimana, il team di sviluppo di WhatsApp sarebbe segretamente al lavoro su tutta una serie di ampie novità funzionali da implementare sulla piattaforma di messaggistica istantanea a breve tempo ed a spiccare potrebbe essere un nuovo meccanismo di backup conversazioni.

Non è infatti un mistero come, dopo la volontà di chiudere il cerchio informativo in ambito d’instant messaging con la crittografia end-to-end e la condivisione dati con Facebook, il servizio di messaggistica controllato dal colosso social voglia limitare ulteriormente la fuga di dati che ad oggi il backup conversazioni Google Drive non garantirebbe.

WhatsApp permetterà di esportare i propri backups tramite file ZIP facilmente re-installabili

Fonti interne gli ambienti di sviluppo avrebbero confermato l’esistenza di una Beta release, targata 2.12.17.689, la cui principale peculiarità verterebbe su di un nuovo sistema di backup chat basato sulla realizzazione di un archivio ZIP facilmente esportabile verso altri smartphone e/o PC.

Benchè manchino ancora conferme in tal senso, sembra che questo meccanismo possa esser affiancato – anzichè sostituirvisi – all’attuale sistema di backup Google Drive non molto apprezzato da fetta crescente di utenti a causa dell’impossibilità di accedere alla directory cloud di salvataggio, oltre che sotto l’osservazione di WhatsApp per verificarne la sicurezza in termini di protezione dati visto il futuro arrivo anche di un sistema d’invio professionale di file ed allegati per lavoro.

Migliorie grafiche: nuova schermata di benvenuto dopo l’estensione a vita degli abbonamenti

Nuova schermata di benvenuto di WhatsApp.
Nuova schermata di benvenuto di WhatsApp.

La scelta di modificare il piano abbonamenti, passando dal servizio a pagamento a quello gratuito a vita, cela delle ovvie modifiche sia nel business plan futuro – ad oggi incapace di generare profitto nonostante gli alti costi d’acquisizione WhatsApp – che dell‘app attuale.

Uno dei primi miglioramenti potrebbe esser visionabile nell’interfaccia di benvenuto con una nuova, oltre che semplificata, schermata di accesso priva di qualsivoglia accenno all’abbonamento ed alla sua durata come invece visibile nelle versioni attuali con la sola modifica del passaggio alla dicitura “A vita” in sostituzione del vecchio conteggio dei tempi residui rimasti prima del rinnovo divenendo superflua.

Non resta quindi che attendere ulteriori sviluppo per poter visionare questi miglioramenti in tandem con Facebook, la cui connessione è sempre più stretta.