Xiaomi Redmi Note 3

Recensione | Xiaomi Redmi Note 3: tutto sull’ultimo arrivato della casa cinese

Packaging | Dimensioni | Hardware | Interfaccia | Honorbuy.it | Conclusioni

Il dispositivo che andremo ad analizzare a seguito è sicuramente una delle più interessanti proposte del mercato asiatico, capace di confrontarsi direttamente con smartphone di altri brand più blasonati come Huawei e Meizu, che negli ultimi anni stanno puntando sempre in maniera maggiore al mercato Europeo.

Lo Xiaomi Redmi Note 3, che abbiamo acquistato dallo store Honorbuy.it, è uno dei più recenti dispositivi top di gamma rilasciati dal colosso cinese. Questo dispositivo si dimostra come un’ottima scelta per chi cerca un cellulare capace di offrire al contempo qualità e convenienza.

banner-honorbuy

Packaging – Confezione e dotazione

redminote3-c

La confezione del dispositivo lascia un po’ a desiderare, come ormai già visto anche da altri prodotti cinesi il cui packaging tende ad essere poco curato con lo scopo di poter risparmiare sull’imballaggio del dispositivo. La scatola si presenta in modo molto semplice e all’interno di essa troviamo, oltre ovviamente al dispositivo, un alimentatore da parete da 2A e un cavo USB-microUSB. Degna di nota l’assenza delle cuffie auricolari.

Dimensioni – Scocca ed ergonomia


redminote3-d

Lo Xiaomi Redmi Note 3 presenta vari pregi, tra cui spicca particolarmente la scocca completamente in metallo, ad eccezione di due bande di plastica presenti sopra e sotto, le quali contribuiscono a creare comunque un design accattivante e simile ai prodotti Meizu.

I tasti fisici sono posizionati sul lato destro e rispondono molto bene alla pressione. Dall’altro lato troviamo, invece, il vano per l’inserimento delle due microSIM. Nonostante la scocca in metallo e le dimensioni non proprio contenute lo smartphone presenta comunque un buon grip.

Le dimensioni dello Xiaomi Redmi Note 3 di 162x84x4,4mm rendono il dispositivo particolarmente maneggevole, soprattutto in relazione allo spessore ridotto e al peso contenuto di 322 grammi, che contribuiscono a fornire una sensazione di qualità che non ha nulla da invidiare ad altri smartphone di fascia alta.

Hardware – SoC, display e multimedialità

redminote3-3

Sotto la scocca del dispositivo troviamo una componentistica hardware davvero interessante per la fascia di prezzo in cui Xiaomi Redmi Note 3 si colloca, non deludendo le aspettative e fornendo al tempo stesso molteplici spunti di riflessione sull’ottimo lavoro svolto dalla società cinese per competere con i big del settore.

Lo Xiaomi Redmi Note 3 ci mette a disposizione tutta la potenza di un processore MediaTek Helio X10 (MT6795), insieme a 3 GB di RAM e 32 GB di storage interno. Sul mercato è presente anche una seconda versione con a bordo 2 GB di RAM e 16 GB di memoria interna ma, purtroppo, una delle pecche più rilevanti riguardanti questo dispositivo è la mancanza di supporto per l’espansione di memoria tramite microSD. In ogni caso, la scheda tecnica del dispositivo lascia spazio a ottime prestazioni anche per quanto riguarda il punteggio nei più disparati benchmark.

Per concludere, il dispositivo continua è caratterizzato da un display Full HD da 5.5 pollici di tipo IPS, da non considerare come un fattore negativo poiché gioca intelligentemente a favore del cellulare per quanto riguarda la durata della batteria.
L’autonomia della batteria dello Xiaomi Redmi Note 3 rappresenta infatti uno dei punti di forza maggiori, grazie ad una capacità di ben 4050 mAh che consente di arrivare tranquillamente a fine giornata anche con un utilizzo assiduo del dispositivo e con luminosità relativamente alta.

Per il resto, sul fronte della connettività troviamo il supporto alle reti 4G LTE, Wi-Fi con supporto alla banda 5 GHz, Bluetooth 4.1 e il GPS assistito da GLONASS. A mancare, come al solito, è l’NFC. Presente invece il sensore per le impronte digitali, con ottimi tempi di risposta e sblocco del dispositivo molto rapido.

Interfaccia – MIUI

Xiaomi conquista un altro punto grazie all’interfaccia proprietaria, stiamo parlando della MIUI, aggiornata periodicamente e parallelamente al sistema operativo Android. Su questo dispositivo è pre-installata la MIUI 7, anche se quest’ultima purtroppo non è disponibile nella lingua italiana.

L’interfaccia MIUI è infatti molto più simile alla concezione iOS che allo stile classico di Android, ciò abolendo il launcher e modificando sia l’accesso al multitasking che ad alcune opzioni quali i widget. La MIUI si presenta con un’interfaccia sempre più user-friendly grazie ai continui miglioramenti durante gli anni da parte di Xiaomi, aggiungendo inoltre tante caratteristiche, temi e modifiche, le quali possono essere facilmente impostate ed installate.

Acquisto – Store Honorbuy.it


Xiaomi Redmi Note 3 su honorbuy

Importare smartphone dal mercato asiatico, anche se non si tratta di cloni, bensì di modelli provenienti da aziende conosciute in tutto il globo, rappresenta una manovra su cui moltissimi utenti nutrono ancora forti dubbi e perplessità.

Il dispositivo oggetto di questa recensione è stato acquistato su uno store di marchio europeo specializzato nella vendita di smartphone provenienti dal mercato asiatico, al costo di soli 239,99€ per la variante da 32 GB/3GB RAM. Sullo store è disponibile anche la versione da 16 GB al costo di 204,99€ ovviamente considerando la differenza irrisoria vale la pena optare per la prima.

Conclusioni finali


Sulla base della recensione e dei test condotti nei vari campi, lo Xiaomi Redmi Note 3 si dimostra essere un dispositivo capace di offrire al proprio possessore tutto l’indispensabile per un’esperienza positiva durante la giornata.

Lo Xiaomi Redmi Note 3 è fortemente consigliato, in particolare per utenti provenienti da prodotti Apple per soffrire meno la migrazione apprezzando i vantaggi Android in una forma intermedia, soprattutto in termini estetici e di utilizzo dell’interfaccia MIUI, oppure per coloro che vogliono provare qualcosa di nuovo senza spendere cifre da capogiro.