Xiaomi Redmi 3

Xiaomi Redmi 3: all’interno avrà una batteria da 4100 mAh

Rispetto alle altre aziende cinesi, Xiaomi è sicuramente quella più famosa e potente poiché, oltre a commercializzare smartphone, riesce a catturare l’attenzione di qualunque consumatore poiché offre svariati prodotti tra cui tablet, smartband, purificatori d’aria, bilance intelligenti e via dicendo. Il mercato in cui non teme avversari è quello della telefonia mobile in quanto riesce ad offrire agli utenti dei dispositivi davvero equilibrati, sia in termini di potenza che nel prezzo.

Il 12 gennaio sarà un giorno speciale poiché il colosso cinese presenterà il tanto atteso Xiaomi Redmi 3, un budget phone che prenderà il posto del famosissimo Redmi 2. A soli tre giorni di distanza, è emersa una nuova caratteristica fondamentale per rendere il Redmi 3 davvero unico: la batteria da ben 4100 mAh (caratteristica rivelata grazie a Weibo). Xiaomi ha superato se stessa questa volta costruendo un device a poco prezzo e superando il Redmi Note 3, che arriva con un’unità da 4000 mAh sotto il cofano.

Inoltre, si dice che lo spessore sarà di appena 8.6 mm, il che lo rende ancor di più un dispositivo appetibile. Al fianco di questa caratteristica, il Redmi 3 sarà disponibile con un display da 5 pollici con risoluzione di 1280 × 720 pixel, MIUI 7 basata su Android 5.1.1 Lollipop, 2 GB di memoria RAM e uno storage interno da 16 GB espandibile tramite micro SD fino 32 GB.

Xiaomi Redmi 3

Secondo quanto riportato, il nuovo dispositivo sarà alimentato dal chipset Snapdragon 616 di Qualcomm che si presenta come un leggero aggiornamento dello Snapdragon 615. Per quanto riguarda il comparto fotografico, avremo una fotocamera da 13 megapixel sul posteriore e una da 5 sull’anteriore.

Infine, nonostante arriverà con una cornice completamente metallica e un coperchio posteriore in stile Plaid, il Redmi 3 avrà un prezzo di appena 699 yuan che si traduce in circa 98 euro. Con questo terminale, Xiaomi stabilirà un nuovo record nel segmento dei dispositivi a basso costo. Voi cosa ne pensate?

Via Gizmochina