Samsung riconoscimento vocale sussurrato

Samsung sta lavorando al riconoscimento vocale sussurrato

Notizia odierna è che il colosso Samsung ha intenzione di progettare il riconoscimento vocale sussurrato sui propri dispositivi; sappiamo benissimo che l’utilizzare la voce per controllarli non è affatto una novità in questo campo visto che applicazioni quali Google Now, Siri, Cortana ed S Voice (creata dalla stessa azienda sudcoreana) permettono di fare ciò, ma la possibilità di eseguirlo attraverso un volume più basso potrebbe garantire alla società di differenziarsi dalla concorrenza.

Il sottostante brevetto emerso sul web raffigura le future intenzioni della Samsung: malgrado l’idioma orientale e la mancata rivelazione della tecnologia che assicura il citato riconoscimento vocale sussurrato, il disegno ci fa intuire la maniera in cui quest’ultimo sarà attivabile, difatti sarà sufficiente avvicinarsi al microfono dello smartphone ponendo la mano tra la bocca ed il display e nella posizione tipica che si assume quando si dice segretamente qualcosa a qualcuno.

Riconoscimento vocale sussurrato Samsung
Metodo per attivare il riconoscimento vocale sussurrato sui dispositivi Samsung

Ovviamente è necessario pure che da parte del device vi sia la capacità di comprendere appieno le parole che sono state bisbigliate, funzione che supponiamo sarà presente visto che la Samsung sta segretamente collaborando con Nuance, una multinazionale statunitense che realizza tecnologie vocali e applicazioni di digitalizzazione.

Purtroppo nel momento in cui abbiamo a che fare con questo tipo di brevetti non abbiamo modo di sapere quando e se verranno concretamente applicati, o meno, su un prodotto di consumo, motivo per il quale non ci aspettiamo un suo lancio imminente soprattutto sul prossimo top di gamma Galaxy S7, tuttavia è sempre interessante vedere cosa viene “cucinato” nei laboratori di Ricerca e Sviluppo della medesima Samsung.