fare uno screenshot

Come fare uno screenshot con Android? Scopriamolo insieme!

Quante volte vi è capitato di voler catturare una schermata sul vostro smartphone Android, magari per condividere qualcosa di fantastico con i vostri amici, ma di non aver la più pallida idea di come fare uno screenshot dal vostro dispositivo? Se su qualsiasi PC fare screenshot è semplice e scontato, ogni smartphone Android ha invece un proprio modo per effettuare tale operazione, che non sempre risulta immediato.

Anche se sul Play Store di Google sono presenti molteplici applicazioni dedicate agli screenshot Android, è bene sapere che a seguito dell’arrivo di Android 4.0 Ice Cream Sandwich il processo per fare screenshot è stato standardizzato, permettendo a chiunque di fare uno screenshot da qualsiasi dispositivo semplicemente premendo il tasto d’accensione in contemporanea a quello per abbassare il volume.

Nonostante ciò, alcuni produttori hanno preferito implementare una propria combinazione di tasti per rendere tale operazione più intuitiva e alla portata di tutti. A tal proposito, oggi vedremo insieme quali sono le varie combinazioni di tasti messe a disposizione dai vari brand, così da aiutarvi trovare quella giusta per il vostro dispositivo!

Come fare uno screenshot su tutti i dispositivi Android

Come accennato inizialmente, Ice Cream Sandwich ha reso l’acquisizione degli screenshot una procedura standard su gran parte dei dispositivi presenti in commercio, con lo scopo di permettere anche agli utenti più sprovveduti di fare screenshot senza dover smanettare troppo col proprio dispositivo.

Leggi anche: Come catturare una schermata su Nexus 5X e Nexus 6P [Guida]

Per catturare screenshot mediante la classica combinazione di tasti è sufficiente tenere premuti contemporaneamente per qualche secondo il tasto di accensione + volume giù, fino a quando non comparirà a schermo l’animazione seguita dal suono dello scatto. Successivamente, sarà possibile reperire rapidamente lo screen shot appena catturato nella galleria dello smartphone, che verrà salvato in un’apposita cartella chiamata screenshots.

 1  Samsung

A quanto pare in casa Samsung non andava a genio la combinazione standard per gli screenshot Android imposta da Google, ragion per cui la società ha deciso di utilizzare una diversa combinazione di tasti, magari anche per distinguersi dagli altri produttori, ma senza complicare ulteriormente l’operazione.

palm-swipe-samsung

La combinazione per gli screenshot Samsung prevede la pressione contemporanea del tasto home + tasto d’accensione del dispositivo, ma è presente anche un’ulteriore modalità adottata dalla società sudcoreana che permette di effettuare screenshot con una mossa di karate.

Per abilitare tale modalità sarà necessario entrare in Impostazioni > Movimenti e controlli > Acquisisci con trascinamento palmo, così da poter catturare qualsiasi schermata semplicemente passando il profilo del palmo della mano sullo schermo, da destra verso sinistra o viceversa, dimenticandovi di qualsiasi combinazione di tasti.

Procedura per i dispositivi della linea Note

Se siete possessori di un dispositivo dotato di S Pen, tra cui Galaxy Note 4, Note 3 o Note 10.1 (2014), Samsung mette a disposizione altri tre diversi metodi da utilizzare per fare uno screenshot.

screenshot-SPen

Aprendo il menu di Air Command, avvicinando il pennino digitale al display e premendo il tasto laterale della S Pen sarà infatti possibile abilitare le tre funzionalità a seguito elencate:

  • Scrapbook: permette di selezionare mediante la S Pen una porzione di schermo da salvare nell’app Scrapbook, da utilizzare successivamente nelle vostre note.
  • Screenshot Note: permette di catturare tutta la superficie della schermata e consente di scriverci appunti sopra con diversi colori.
  • S Pen Button: permette di catturare uno screenshot semplicemente tenendo premuto contemporaneamente il tasto della S Pen e facendo pressione della puntina sul display

 2  LG

Pur mantenendo la combinazione classica per la cattura degli screenshot, che ricordiamo richiede la pressione contemporanea del tasto volume giù + tasto di accensione, il design adottato da LG sui propri dispositivi rende l’operazione decisamente più complicata a causa del posizionamento di questi ultimi sulla scocca posteriore, posti uno sotto l’altro.

screenshot-lg

Nonostante ciò, anche per LG G2, LG G3 ed LG G4 esiste un metodo alternativo molto più facile che permette di fare uno screenshot senza premere alcun tasto. È semplicemente necessario utilizzare QMemo+, alla quale è possibile accedere facendo scorrere il dito dal basso verso l’alto sulla schermata principale e scegliendo l’icona di destra (quella che dovrebbe rappresentare una lavagnetta con un gesso), per catturare in maniera immediata uno screenshot che verrà successivamente salvato nella galleria degli screenshots.

 3  HTC

htc-screenshot

Per venire incontro agli utenti, HTC ha invece scelto di utilizzare la classica combinazione volume giù e tasto d’accensione, lasciando però la possibilità di scegliere se utilizzare o meno la stessa combinazione presente sui dispositivi Samsung, che prevede la pressione del tasto d’accensione + tasto home.

 4  Huawei

screenshot-huawei

Sulla scia di HTC, anche Huawei consente di sfruttare la tradizionale combinazione di tasti, fornendo in alternativa anche una semplice scorciatoia, presente nella barra delle notifiche dell’interfaccia EMUI, utile per fare uno screenshot in maniera rapida senza la necessità di utilizzare entrambe le mani.

 5  OnePlus

screenshot-oneplus

Il team di OnePlus ha invece adottato la combinazione di tasti standard volume giù + tasto d’accensione, includendo però anche una comoda opzione già presente su alcune custom ROM, che permette di fare uno screenshot direttamente dal menu di accensione del dispositivo, tramite un’apposita opzione abilitabile da Impostazioni > Tasti > Menu tasto di alimentazione > Cattura schermata.

 6  Oppo

screenshot-oppo

Nonostante non sia proprio uno dei brand più conosciuti, nella nostra lista si fa spazio anche la società produttrice di Oppo R5, uno degli smartphone più sottili al mondo, che ha preferito abbandonare la classica combinazione di tasti in favore dei gesti, in maniera simile a quanto proposto da Samsung, permettendo di fare uno screenshot semplicemente facendo scorrere tre dita sullo schermo dall’alto verso il basso.

 7  Asus

Anche Asus ha deciso di non stravolgere l’esperienza d’uso lasciando a disposizione degli utenti la classica combinazione di tasti per fare uno screenshot ma, in aggiunta, la società taiwanese ha optato per due ulteriori metodi che consentono di catturare una schermata in maniera altrettanto rapida.

asus-screenshot

Il primo metodo consiste nel tenere premuto il pulsante delle applicazioni recenti, ed è abilitabile recandosi in Impostazioni > Impostazioni personalizzate ASUS > Tasto Applicazioni recenti > Tenere premuto per acquisire una schermata, mentre il secondo metodo consiste nell’abilitare direttamente l’opzione dai quick settings.

Conclusione

Catturare uno screenshot (o fermo immagine), in maniera analoga a qualsiasi altra funzione offerta dal dispositivo, è un’operazione strettamente legata alle necessità dell’utente. Conoscere la combinazione di tasti per fare uno screenshot sul proprio smartphone può quindi risultare utile in diverse occasioni e contribuisce ad approfondire le conoscenze riguardanti le funzionalità offerte dal proprio dispositivo, migliorando l’esperienza d’uso complessiva durante l’utilizzo giornaliero.