Xiaomi

Xiaomi Mi 3, Mi 4, Mi Note: arriva l’update a Marshmallow

Per Xiaomi è ormai tutto pronto al lancio del suo nuovo flagship, Xiaomi Mi 5, ma fortunatamente l’azienda non ha dimenticato i suoi smartphone lanciati prima durante l’anno. La compagnia cinese infatti annuncia che arriverà l’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow per i dispositivi Xiaomi Mi 3, Xiaomi Mi 4 e Mi Note.

Secondo uno stato pubblicato sul socialnetwork cinese famoso Weibo dal manager delle operazioni per MIUI di Xiaomi, la compagnia è arrivata alle fasi finali di testing per l’aggiornamento ad Android 6.0 Marshmallow per almeno due dei tre device.

Come già menzionato precedentemente, i primi dispositivi a ricevere l’aggiornamento ad Android 6.0 saranno il Mi 3 e il Mi 4, successivamente il phablet Mi Note. L’unica versione disponibile per adesso è quella beta, che ovviamente, come tutte le versioni beta, è piena di bug e problemi relativili alla stabilità. La versione stabile ad ogni modo, probabilmente ci metterà un po’ di tempo prima di essere rilasciata universalmente, cosa che abbiamo visto succedere spesso ultimamente. Nel frattempo, c’è anche uno screenshot che mostra l’update delle notifiche per l’ultima versione di Android disponibile su un device della compagnia, la MIUI 5.12.25, con un file che pesa apparentemente 518 MB.

Con l’aggiornamento avvenuto dei dispositivi Xiaomi alla MIUI 7 nel primo quarto di quest’anno, un gran numero di smartphone ha ricevuto l’aggiornamento ad Android 5.1 Lollipop con la ROM MIUI 7, ma altri come il Redmi 1s è rimasto su Android 4.4 Kitkat nonostante l’aggiornamento a MIUI 6.

Xiaomi

Questo ha portato confusione e costernazione ai proprietari di questi device, portando quindi scalpore e rabbia sui forum MIUI dappertutto. Pertanto, l’ingegnere sviluppatore di MIUI, Sun Peng, ha dovuto difendere la compagnia pubblicamente contro ogni sorta di accusa, dicendo che i chipmakers sono tenuti alla responsabilità per non aver rilasciato le fonti kernel, ed è il motivo per il quale Lollipop rimane ancora un passo troppo lontano per alcuni dispositivi Xiaomi.