Facebook estende ufficialmente il Controllo Sicurezza per gli accessi su Android

Il miglioramento dei protocolli d’accesso e sicurezza, in un mercato mobile sempre in crescita e capace di rendere lo smartphone un punto cruciale per la gestione delle informazioni, ha recentemente spinto Facebook alla generazione di un sistema di protezione della privacy dei propri iscritti noto come “Controllo Sicurezza”.

Sebbene fosse stato testato a lungo su iOS, come noto piattaforma di preferenza degli sviluppatori di Mark Zuckerberg, il social network ha finalmente reso ufficiale in data odierna l’estensione di tale funzionalità anche agli smartphone Android offrendo nuovi processi e meccanismi per verificare ogni singolo accesso al proprio account social.

Controllo di Sicurezza, i cui parametri sono settabili anche da desktop, offre infatti alcuni semplici strumenti per evitare l’intrusione di terzi e monitorare attività sospette oltre agli accessi dei quali non si sospettava traccia sul proprio Facebook account. La messa in sicurezza proposta dal noto social network si basa su tre processi il cui simultaneo utilizzo rende più complessa la violazione della vostra privacy, difendendo chiaramente anche la messaggistica istantanea rappresentata da Facebook Messenger.facebook-security-checkup-smartphone-android

Leggi anche: Facebook Messenger sarà una piattaforma e-commerce, unendo il meglio di PayPal ed Amazon

Uno dei protocolli più interessanti è sicuramente la scansione automatica delle sessioni d’accesso, capace di disabilitare la connessione da dispositivi – smartphone, tablet ma anche computer – non utilizzati per lungo tempo. Per garantire il totale controllo delle azioni compiute su Facebook è possibile attivare delle notifiche d’avviso a mezzo e-mail per segnalare le connessioni abilitate su nuovi dispositivi, mentre l’ultimo passaggio è invece basato sull’analisi della password Facebook suggerendo i passaggi da compiere e gli errori da evitare per realizzarne una nuova più complessa ed articolata.

L’introduzione di queste nuove funzioni di sicurezza fortifica ulteriormente l’offerta funzionale di Facebook soprattutto alla luce di un mercato in crescita, con numeri da capogiro, e spiana la strada probabilmente a progetti ben più innovativi sui quali il colosso social è da tempo al lavoro.