Come velocizzare Android

Come velocizzare Android: ecco 5 consigli

Avete notato che il vostro smartphone/tablet è diventato lento? Lo lancereste volentieri dalla finestra ma non avete voglia di spendere soldi per acquistarne un altro? Prima di disperarvi provate a seguire i miei 5 consigli su come velocizzare Android senza bisogno di root, flash di pacchetti esterni, installazione di strani strumenti o addirittura modifiche ai file di sistema. Ma bando alle ciance e scopriamoli insieme!

Come velocizzare Android in 5 semplici mosse

1) Conservare le App indispensabili

Facile da dire, più complesso da fare. Il primo suggerimento che voglio darvi è di lasciare sul vostro dispositivo solo le applicazioni a cui non potete davvero rinunciare e di eliminare ovviamente quelle non utilizzate e/o aperte di rado.

Stesso discorso per le App pre-installate al momento dell’acquisto: fate subito fuori le superflue e, qualora non vi sia permesso, disinstallatene gli aggiornamenti per poi disattivarle; nel caso vi infastidisca che siano comunque presenti, vi consiglio di sfruttare le funzionalità di programmi tipo Titanium Backup.

Come velocizzare Android
Non c’è niente di più bello di un app drawer semivuoto

2) Installare un’applicazione per la pulizia

Vi svelo quella di cui mi servo io, ovvero CCleaner: esatto, è la stessa che molti di voi possiedono sul proprio PC ed è per questa ragione che la ritengo affidabile, completa e valida; infatti, con 2 click sarete in grado di cancellare cache, miniature, file inutili, registri e tanto altro (personalmente la uso almeno una volta al giorno).

Inoltre, essa offre anche un manager avanzato per le App ed una sezione che mostra le info principali del vostro device. Grazie a CCleaner è veramente possibile velocizzare Android, dunque che aspettate a scaricarlo?

Come velocizzare Android
Come velocizzare Android grazie a CCleaner

CCleaner
Price: Free+

3) Evitare i Task Manager e gli Speed Booster

Vi spiego il perché: il sistema operativo del robottino verde è strutturato in modo tale da mantenere sempre attivi in background alcuni processi, pertanto nonostante provvediate a forzarne la chiusura attraverso i Task Manager o gli Speed Booster, essi tenderanno lo stesso ad avviarsi automaticamente; in aggiunta, ciò causerà pure un maggior consumo della batteria.

Come velocizzare Android
Non lasciatevi ingannare dai Task Manager e dagli Speed Booster!

4) Privarsi dell’eccesso

Fotografie? Video? Audio? Cancellateli, oppure se intendete continuare a possederli spostateli dallo smartphone/tablet su una pendrive, sul Cloud, su un hard disk o direttamente sul computer, invero è controproducente intasare la memoria interna. Un altro accorgimento riguarda il desktop del vostro terminale: evitate Widget e troppe icone di App, cercando quindi di mantenere la schermata pulita.

Come velocizzare Android
Ok, forse ho esagerato un pochino

5) Non spostare le applicazioni sulla memoria esterna

Ulteriore raccomandazione su come velocizzare Android è non trasferire le App sulla microSD visto che solo una parte dei dati verrà trasportata, difatti un residuo tenderà a rimanere nella ROM costringendo così un device a dover attingere dalle 2 memorie per far funzionare un determinato programma, comportando di conseguenza un peggioramento delle prestazioni.

Dunque, gli unici elementi che suggerisco di conservare sulla scheda SD (che io eviterei proprio, altrimenti comperatene una di buona marca e classe elevata) sono i file multimediali; naturalmente tale avvertenza vale per quei dispositivi dotati già di per sé di un buon storage interno.

Come velocizzare Android
Le microSD sono davvero così utili?

Conclusioni

Ci tengo a precisare che quanto trascritto deriva da mie sperimentazioni, in più l’unica cosa di cui sono pienamente convinto al momento è che, attenendomi ai 5 punti riportati sopra, non ho mai avuto alcun problema sul mio telefono.

Abbiamo visto come velocizzare Android ma non garantisco che ciò valga anche per voi se possedete un device ormai antiquato; in questo caso vi propongo di praticare del modding avanzato o, nel peggiore dei casi, di spendere qualche soldino per regalarvi un nuovo terminale (a tal proposito, date un’occhiata ai migliori smartphone in questo articolo).