Come salvare pagine web offline in PDF su Google Chrome [Guida]

Uno dei principali vantaggi offerti dai browser è la possibilità di salvare le pagine di nostro interesse in Preferiti accedendovi quando si vuole, eppure in assenza di connessioni mobile o reti WiFi  il problema permane inducendo molti utenti a chiedersi come salvare le pagine web offline.

Il ricorso ad una modalità come la seguente può esser vantaggiosa durante i tratti in metropolitana oppure in aree di scarsa copertura di rete, permettendo di avere accesso a contenuti spesso necessari non solo per il piacere della lettura ma anche in ambito studio e/o professionale. Per venire incontro a questi problemi Google Chrome offre la possibilità di salvare le pagine web offline in PDF, trasformando i migliori contenuti web in files d’avere sempre a portata di mano.

Pagine web offline in PDF, un vantaggio in assenza di connessione :

Il sempre maggior uso di smartphone e tablet nel campo mobile, con una mole di dati visionata quotidianamente, rende sempre più attuale il ricorso a meccanismi di selezione e salvataggio dei contenuti di nostro interesse. Come salvare le pagine web in PDF su Google Chrome può quindi rappresentare un’azione capace di offrire notevoli vantaggi, nonostante sia poco nota ai più, senza occupare troppo spazio sul vostro dispositivo venendo incontro ai momenti nei quali la mancanza di connessione può essere un problema.

Guida su come salvare pagine web offline in PDF:

Come molte delle modalità innovative integrate nel browser made in Mountain View, anche la seguente è facilmente accessibile seppur celata da un meccanismo di tutt’altra destinazione come quello della stampa della pagine web.

Una volta caricata la pagina di vostro interesse, come nel caso della nostra selezione dei Migliori smartphone del mese, non dovrete far altro che recarvi al pannello “Impostazioni” – accessibile dal margine superiore destro del display – e selezionare dal menù la voce “Stampa“.

Sarete ricondotti ad una schermata con i contenuti web scaricati in un file PDF destinato alla comunicazione con le vostre stampanti, ciononostante cliccando sull’icona circolare sul margine superiore destro potrete conservare in locale quel medesimo file riuscendo così a salvare le pagine web offline in PDF.

Una volta rinominato a piacere e scelta anche la directory di destinazione, non dovrete far altro che accedervi quando volete per poter visionarne i contenuti senza perderne neppure in qualità – vista la presenza di foto e link funzionali – durante i vostri momenti senza connessione dati o di rete.

Conclusioni:

Il ricorso ad una guida come la seguente per salvare le pagine web offline su Google Chrome rappresenta una scelta intelligente per apprendere un meccanismo tanto semplice quanto estremamente utile, arricchendo ulteriormente l’esperienza utente ed i vantaggi d’uso di uno dei migliori browser attualmente disponibili.

Google Chrome è disponibile gratuitamente all’interno del Google Play Store:

applink-googleplaystore