Android Pay consente gli acquisti in-app negli Stati Uniti

Android Pay, il sistema di pagamento sviluppato da Google, introduce negli Stati Uniti la possibilità di effettuare anche acquisti in-app, e promette che a partire dal 2016 quest’opzione sarà disponibile anche per molti altri paesi.

Android Pay è una piattaforma di pagamento disponibile da Settembre 2015 che, sfruttando la tecnologia NFC, consente di effettuare transazioni in maniera semplice e veloce e, a quanto dice Google, è anche garantito un certo livello di sicurezza.
Una volta scaricata l’app Android Pay è sufficiente associare una carta di credito e avvicinando il dispositivo al terminale del venditore la transazione avviene, un sistema che permette di sfruttare in maniera ottima la tecnologia NFC che, altrimenti, sarebbe stata probabilmente finita nel dimenticatotio.

Gli acquisti in-app sono stati una caratteristica di questa piattaforma molto attesa e, finalmente è disponibile, anche se per il momento solo negli Stati Uniti.
La lista delle app che supportano questa funzionalità è inoltre molto ristretta e non particolarmente entusiasmante ma, stando alle dichiarazioni dei portavoce Google, nei prossimi anni assisteremo ad un’importante espansione della piattaforma Google Pay.

Al momento non ci sono notizie riguardanti l’Italia, ma c’è da aspettarsi che il tutto sia disponibile anche in Europa entro non più tardi della fine 2016.