Samsung: smartphone flessibili, che sia la volta buona?

Non è la primissima volta che la Samsung annuncia la possibilità di progettare display flessibili, si tratta infatti di una soluzione che circola in rete da ben 3 anni (e di cui abbiamo già parlato nel nostro Blog) ma che sin’ora non è mai stata concretamente applicata su alcun suo dispositivo, tuttavia ulteriori brevetti, di recente trapelati sulla rete, ci mostrano ancora tale eventualità.

Scrollable Smartphone: Come si può evincere dalle due sottostanti immagini fornite da “Patently Mobile”, questo singolare telefono è costituito da un banale cilindro su cui sono posizionati verticalmente dei pulsanti touch che, se premuti, aprono lo specifico strumento/applicazione che di conseguenza si manifesterà sul rettangolare schermo srotolato. Più semplice da vedere che da delucidare.

Tab Style Smartphone: Dallo scorrevole, passiamo al device pieghevole dall’estetica simile a quella di un comune portafoglio; entrambi i disegni ci fanno ben comprendere a cosa andremo presumibilmente incontro, ovvero una facciata squadrata sul cui lato sinistro sono ubicati i consueti tasti: dopo averne pigiato uno, sarà sufficiente aprire a flip quanto impugnato per trovarsi davanti ad una schermata più ampia, tipo tablet, palesante il risultato dell’operazione richiesta in precedenza. Al solito, più facile da osservare che da spiegare.

Foldable Smartphone: Molto somigliante a quello descritto sopra ma sfruttante un particolare sistema di cerniere, mi limito quindi a riportarvi l’ormai abituale illustrazione.

Samsung-foldable-smartphone

Bendable Smartphone: Per ultima, ma non meno importante, la seguente figura ci mostra un design piuttosto anomalo, rassomigliante tra l’altro a quello a conchiglia, accompagnato da un curioso errore (?): la presenza dell’icona iPod tipica di casa Apple; cara Samsung, cosa vorresti farci intendere con questo strano dettaglio?

Samsung-bendable-smartphone

Sia chiaro che ci troviamo difronte a meri brevetti il cui scopo è forse quello di entusiasmare e fomentare gli animi di chi, me compreso, pensa che questa esclusiva tecnologia potrebbe invece rilevarsi sia funzionale, sia comoda ed utile soprattutto riguardo il discorso trasporto (da possessore di un ingombrante cellulare da 5.5 pollici ammetto di avere spesso delle difficoltà); per concludere, mi permetto di dire che, siccome non si tratta di una novità, stavolta cercheremo di andarci con i piedi di piombo, ma al contempo confidiamo in un rapido sviluppo che potrebbe presto regalarci prodotti tanto flessibili quanto autentici.

VIA