Custom Rom: CyanogenMod, MIUI o SlimROM?

Popolo di smanettoni (vi invito a non equivocare il termine) e non, stamattina vi siete svegliati con l’incredibile desiderio di stravolgere il vostro caro smartphone? Avete voglia di cambiargli look? Siete stufi della solita interfaccia o della mancanza di originalità? Se la risposta è “no” potete pur abbandonare la pagina (si scherza), altrimenti vi invito a leggere quanto segue, difatti in questo articolo vi elencherò le principali Custom Rom attualmente in circolazione sulla rete riportandone altresì, in sintesi, le relative caratteristiche e peculiarità.

CyanogenMod

Siete amanti dell’esserino color ciano? Allora non potrete far a meno di flashare sul vostro dispositivo questa particolare Custom Rom, sin’ora arrivata alla versione 13 con l’avvento di Android Marshmallow, ideata anni fa da un team di developers che nel giro di poco tempo ha raggiunto un successo straordinario; ma cosa offre concretamente? Essendo basata sull’AOSP (acronimo di “Android Open Source Project”, ) garantisce la “Google Experience” tipica della gamma Nexus, quindi fluidità, leggerezza e mancanza di superfluo combinate a features in house che ne migliorano decisamente l’uso: CM Updater via OTA (“Over-the-air”, metodo che consente di scaricare via wireless il nuovo software direttamente dal proprio telefono), Privacy Guard (l’utente può gestire i permessi richiesti dalle singole applicazioni installate), CM File Manager (semplice, intuitivo, ma ricco di funzioni), Black List (volete evitare la telefonata di qualcuno? Inseritelo nella lista nera), Personalizzazioni varie (menù app, display e luci, status bar, quick settings, navigation bar, lockscreen, configurazione pulsanti, temi, ecc..), Root nativo, Opzioni sulle performance (tipo aumentare il clock del processore o cambiare i governors: USARE CON CAUTELA!), Strumento avanzato per sviluppatori e così tanta, tanta roba che non finiremmo più. Per maggiori informazioni vi rimando a questa pagina.

MIUI

Gradite l’aspetto tipico dei device marchiati Xiaomi? Installate la MIUI, attualmente supportata da decine di smartphone e apprezzata da milioni di utenti sia per la velocità che per la stabilità del sistema operativo nonostante il grosso lavoro svolto a livello grafico; ma non finisce qui: anche questa Custom Rom offre sia un pacchetto di utili app proprietarie come Antivirus, Mi Store (simile a Google Play) e Mi Cloud, sia strumenti quali Antispam, Network Assistant (permette di tenere sott’occhio il traffico dati), Permission Manager (tipo il sopracitato “Privacy Guard”), Find Device (qualora abbiate smarrito il vostro cellulare, questo potrà essere rintracciato tramite modulo GPS e account MIUI preventivamente creato dopo il flash della Rom), BussolaTorcia, Temi (centinaia quelli disponibili al download) e molto altro. Riassumendo: interfaccia (rammentiamo l’assenza dell’app drawer, tutte le icone saranno infatti presenti nella Home), personalizzazione e facilità d’utilizzo sono le parole chiave che contraddistinguono l’ormai popolarissima MIUI; cliccare qui per ulteriori info.

SlimROM

Già dal nome si evince che trattasi di una Custom Rom che spicca per il suo essere “snella” e dunque priva di tutte quelle diavolerie solitamente pre-caricate sulle Stock; in sostanza, la Slim è caratterizzata dalle medesime features tipiche della CyanogenMod e della MIUI, presentate però in maniera diversa: simpatica e al contempo valida la sottosezione ubicata nel sito ufficiale, la quale simula la schermata di uno smartphone, equipaggiante la Rom, con cui è possibile interagire al fine di scoprire tutte le opzioni che essa offre, vi invito quindi a giocherellarci un po’ per comprenderla appieno. Al solito, aggiuntivi dettagli sono riportati qui.

Conclusioni

Potete ben leggere che, in fin dei conti, oramai poche sono le differenze e molte le somiglianze, in più sono assolutamente cosciente del fatto che su Internet esistono moltissime tipologie di Custom Rom come, tanto per nominarne qualcheduna, la CarbonROM, la AOKP o la Resurrection Remix, ma ho preferito limitarmi a descrivere quelle che, a mio personale parere e sino ad oggi, hanno raggiunto una maggior notorietà rispetto alle altre.

Non dimentichiamoci nemmeno che, seppur una cifra considerevole di device supporti ufficialmente le tre Rom raccontate, non garantisco che esse siano comunque disponibili per il vostro, tuttavia cercate di non scoraggiarvi: vedrete che scavando nei meandri delle cospicue community, straniere e non, qualcosina verrà fuori anche per voi. Voglio concludere l’articolo ricordandovi che, in quanto Custom Rom (soprattutto se in versione nightly), potrebbero essere “infettate” da numerosi bug, crash casuali, malfunzionamenti, ecc.., ciononostante il rilascio di costanti update da parte degli sviluppatori assicura migliorie e risoluzione di quelle sgradevoli anomalie che ne rendono meno piacevole, o addirittura difficoltoso, l’utilizzo.

Sia chiaro che il punto di vista di coloro che ci seguono è per noi fondamentale e sempre ben accetto, ergo nel caso vogliate appoggiare/contestare quanto trascritto non esitate a lasciare un commento qui sotto.