Facebook Messenger è la seconda app più popolare in USA: giù Google Apps e servizi Apple

Il possesso di un eco-sistema software mobile quali Android ed iOS, rispettivamente per Google ed Apple, pare non esser più un elemento portante per la crescita ed il successo dei propri servizi. Ciò stando agli ultimi dati diffusi sulle app più popolari in USA, mercato da sempre di riferimento, con Facebook e Facebook Messenger in vetta contro ogni aspettativa.

A certificarlo è il report di ComScore che sovverte una convinzione di lungo corso, quella relativa i vantaggi garantiti alle società di Mountain View e Redmond nella diffusione dei propri servizi, incoronando l’azienda di Mark Zuckerberg come la più redditizia, ciò non senza scelte azzardate. Se per Facebook il primato pare scontato, forte del grande successo del social network e della crescita del mercato mobile, a sorpresa anche Facebook Messenger si colloca al secondo posto col 59.5% di utenza fidelizzata evidenziando una crescita senza precedenti dopo la decisione di scindere il servizio di messaggistica dal social nativo creando non pochi malumori tra gli utenti.

App-più-popolari-iOS-report-comscore

Ad oggi, senza considerare WhatsApp assente dalla classifica ma come noto capace di rappresentare uno dei servizi di instant messaging più popolari, il colosso social blu detiene quasi la totalità del mercato messaggistico proponendosi come principali competitor per pubblicità e servizi a Google ed Apple, sonoramente indietro. Tra le Google Apps il servizio più popolare è infatti YouTube, al terzo posto, seguito da Google Search al quarto – seppur al centro di svariate contestazioni per abuso di posizione predominante – e Gmail al solo ottavo posto, con la situazione di Apple ben più deficitaria visto Apple Maps, miglior piazzamento per l’azienda di Redmond, all’undicesimo posto.

Dati sicuramente indicativi ed interessanti sul successo che Facebook e Facebook Messenger stanno maturando, ciò senza considerare i progetti futuri rappresentati dal prossimo assistente vocale Facebook M oppure dal più ampio e complesso sistema di Facebook Platform col quale potrebbe presto giungere un sistema di pagamenti digitali ed une-commerce interno in pieno stile PayPal ed Amazon con queste ultime, visti i numeri evidenziati, forse costrette a doversi preoccupare.