Samsung, dati vendite: 45 mln di Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge, ma non mancano i dubbi

Nuovi dati proiettano i flagship coreani in vetta alle vendite del 2015, ma i casi recenti di Galaxy S4 e Galaxy S5 alimentano forti dubbi sull'effettiva veridicità di questi ultimi.

Pur vantando un proprio e determinato fascino le analisi sulle specifiche smartphone risultano uno dei pochi dettagli analizzati dalle aziende che, per i propri obiettivi, si rifanno maggiormente ai dati di vendite più che ai confronto in termini di resa, qualità ed esperienza utente. Tale punto è particolarmente caro a Samsung che con i nuovi Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge si è posta un importante obiettivo in termini di vendite forse quasi raggiunto.

A confermarlo sarebbero le ultime stime, generate dai report forniti da Deutsche Bank, secondo cui i nuovi flagship del colosso coreano non solo ne stanno favorendo la ripresa finanziaria e d’immagine ma potrebbero presto conseguire risultati strabilianti pari a 45 milioni di unità vendute, il tutto basandosi sulle proiezioni maturate dopo il primo mese di lancio con all’attivo già 10 milioni di esemplari soltanto relativi il Samsung Galaxy S6. Eppure le stime in alcuni mercati, vedasi quello asiatico col crollo in favore dei marchi sia nazionali – Xiaomi ed Huawei su tutti – che non nazionali – Apple domina – nel confronto, sembrano smentire le proporzioni già compromesse dalle fisiologiche contrazioni attese nei prossimi mesi con l’arrivo di modelli interni come il Galaxy Note 5, insieme al misterioso Galaxy S6 Note, oltre che da competitors come i prossimi Google Nexus realizzati da Huawei ed LG senza considerare il recente lancio di LG G4 appena entrato nel circuito.

samsung-galaxy-s6-galaxy-s6-edge-backs (2)

Si starebbe quindi ripetendo una situazione molto similare a quella visionata prima con Galaxy S4 e, soprattutto, con Galaxy S5 tramite dati di vendita sicuramente positivi ma veritieri sia rispetto i rendimenti che gli obiettivi stimati da Samsung. Che i nuovi Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge rappresentino un ottimo punto di partenza per la ripresa del colosso coreano non vi sono dubbi, lo stesso non si può dire sugli effettivi rendimenti per i quali soltanto il tempo potrà fornirci una panoramica reale.