Samsung brevetta un tablet flessibile da ripiegare su se stesso

Il brand coreano lavora in segreto sul futuro dei mobile devices puntando sulle nuove tecnologie, come i display foldable per offrire superfici sempre più ampie.

Il futuro è sicuramente tutto in mano ai mobile devices, la cui tecnologia hardware sta vivendo un progresso significativo specialmente in termini di qualità dei display per i quali i produttori maggiormente proiettati verso nuove soluzioni sono LG e Samsung. Proprio quest’ultima pare aver brevettato un nuovo tablet capace di poter esser piegato su se stesso sfruttando i display pieghevoli.

Il brevetto, emerso e riportato all’attenzione dai colleghi di SamMobile, sarebbe da ricondurre al Project Valley col quale il colosso coreano vorrebbe realizzare dispositivi – per lo più smartphone – capaci di estendere la propria superficie di utilizzo come dei comuni fogli di carta, in questo specifico caso permettendo al tablet di esser piegato in ben 3 parti. Sebbene l’idea possa apparire molto futuristica, e le prime bozze si pongono con una certa distanza dall’attuale tecnologia, in realtà i passi in avanti condotti in ricerca e sviluppo nell’ambito dei display sembrano poter offrire queste soluzioni particolarmente sperimentate da Samsung con modelli di test quali il Galaxy Round ed i più attuali Galaxy Note Edge e Galaxy S6 Edge dai quali pote visionare i primi segnali di tali direzioni.

samsung-foldable-tablet-3

Volgendo uno sguardo ad appena due anni fa, in occasione propri di un Samsung Analyst Day, i vertici del colosso coreano aveva fornito una stima di diffusione delle nuove tecnologie display programmando l’arrivo dei “foldable display” – ovvero i pieghevoli – proprio per l’inizio del 2016 rendendo poi il 2017 un anno di stabilizzazione con una larga diffusione. Ebbene, visionando grafico e stime di allora, non stupisce l’emersione di questo brevetto che pare totalmente in linea con i piani definiti e già confermati dall’arrivo di tutte le altre tecnologie ammirate nel corso degli ultimi mesi.