Google Maps offline Android come utilizzarlo al meglio

Google Maps offline Android: come utilizzarlo al meglio sin da ora

Nel corso della Google I/O 2015, una delle più importanti novità comunicate da Google è stata quella relativa a Google Maps offline Android. Entro la fine dell’anno sarà possibile visualizzare le carte geografiche, anche senza connessione ad internet. In attesa dell’aggiornamento dell’applicazione, ci tenevamo a segnalare tutte le novità introdotte in modalità offline e già disponibile al momento. Come utilizzare al meglio Google Maps offline Android si da ora?

Premessa: allo stato attuale, non è possibile procedere al download di una mappa di un determinato momento, per poi utilizzarla comodamente anche senza connessione ad internet. La funzione più importante al momento è di sicuro “Salva mappa offline”.

Prima di partire, consulta Google Maps e utilizza la funzione “Salva mappa offline” quando sarai connesso ad una rete stabile. Google Maps ti offre tre diverse opportunità di salvare i tuoi luoghi preferiti offline. Il denominatore comune a tutti e tre i metodi è quello di digitare l’indirizzo nella barra di ricerca o nel trovare sulla mappa la zona d’interesse.

Da lì:

METODO 1: scorri verso l’alto il menù contenente le indicazioni. Lo trovi in fondo. Seleziona prima in alto a destra “”  e poi la voce “Salva mappa offline

Google Maps offline Android come utilizzarlo al meglio sin da ora

METODO 2: digita “Ok Maps” all’interno della barra di ricerca

METODO 3: seleziona l’icona raffigurante il microfono e dì ad alta voce “Ok Maps

A prescindere dal metodo usato per utilizzare al meglio Google Maps offline Android sin da ora, ti basta confermare e attendere i secondi necessari al salvataggio della mappa in modalità offline. Come ritrovare in seguito il punto d’interesse? Nulla di più semplice! Ti basta aprire il menù laterale di Google Maps e selezionare “I miei luoghi”. Li troverai tra i preferiti mediante stellina. In fondo, potrai visualizzare una sezione contenente le mappe salvate in modalità offline. Seleziona quella di tuo interesse e consultala nei dettagli anche senza essere collegato ad internet.

Per un uso ottimale di Google Maps offline Android a partire da subito, è scelta saggia regolare lo zoom, prima di procedere al salvataggio della mappa. Solo in questo modo, la zona di interesse ti mostrerà i nomi delle strade.

La funzione in oggetto, comunque, non ti consente di salvare la mappa di una città, di una regione o di una nazione: per portare a termine questo scopo, devi solo ricorrere ad un’applicazione di terze parti.

Per concludere, non ci resta da far altro che attendere il rilascio dell’aggiornamento dell’applicazione che sarà perfetta da usare in collegamento ad Android Auto.

  • leodis

    Ammetto che non lo uso molto, ho già here map e altri. Ho provato comunque a salvare qualche punto, un disastro. Quei menu io non c’è li ho, sono riuscito, durante molte prove solo a salvare un punto, poi più nulla, e ha salvato 1 mb di dati. Cosa mai avrà salvato?
    Preciso anche che l’unico punto che ha salvato ci sono andato direttamente, scorrendo a mano la mappa fino al punto che pensavo, mai una volta trovando un indirizzo digitato in alto. Una pena.
    Inoltre non fa modificare il percorso, lui sceglie e se non ti va bene, ciccia.
    Ne deve fare di strada per farne un navigatore decente.

  • Pingback: Google Street View su Android: tutto quello che c’è da sapere()

  • Pingback: Search e Maps: Google ti avviserà degli orari effettivi durante le feste natalizie()