Vendite smartphone, Cina: Apple batte tutti, calano Samsung e Lenovo, costanti Xiaomi ed Huawei

Ufficiali i primi dati sulle vendite smartphone in Cina con prime flessioni tra marchi in crescita, come Apple e Xiaomi, ed altri in crollo, come Samsung.

L’analisi delle vendite smartphone attraverso i principali mercati d’interesse è sempre utile per poter testimoniare e certificare gli andamenti sia per il presente che soprattutto per il futuro. Volgendo lo sguardo alla Cina, responsabile negli ultimi anni di una crescita senza precedenti, si registrano per la prima volta preoccupanti cali che modificheranno le strategie di tutti i principali produttori.

Come riportato dal centro analisi IDC, con un accurata analisi comparativa deal Q1 2014 al Q1 2015, dopo ben sei anni di crescita costante e verticale il mercato cinese ha registrato una prima flessione pari all’4% con ben 98 milioni di smartphone commercializzati. Si tratta di un dato significativo nelle vendite smartphone che certifica ufficialmente il superamento del picco di crescita di un mercato oramai saturo, come visionato da tempo in Europa e USA, creando perdite ai principali produttori Android come Samsung (-53%) e Lenovo (-22,1%) – incapace di sfruttare ad oggi il potenziale offerto da Motorola – oltre tutti gli altri marchi come ZTE ed i vari produttori minori (-8,8%).vendite-smartphone-cina-report-IDC-2014-2015

Nonostante i dati sulle vendite smartphone spingano per una rivalutazione delle future strategie di commercializzazione e produzione, con modelli sempre più curati e soprattutto nuovi mercati d’espansione di cui sentiremo presto parlare con costanza come l’India e ed il Sud Asia, a stupire sono ancora Xiaomi(+42,3%), Huawei(+39,7%) e persino Apple che sbaraglia tutti con un sontuoso +62,1% grazie proprio ai nuovi iPhone 6 ed iPhone 6 Plus.