Photo Credit: Ciro Lentano

WhatsApp si rinnova in Material Design: analizziamo l’interfaccia ed i vantaggi [Download]

Il noto client rinnova l'interfaccia dell'app Android introducendo il Material Design e tanti rinnovamenti per un esperienza d'uso nuova e coinvolgente.

Una sorpresa che davvero in pochi avrebbero predetto, WhatsApp nella tarda serata di ieri ha rilasciato almeno tramite il programma Beta l’ultima versione della propria app Android, 2.12.36, fornendo un rinnovamento grafico in pieno stile Material Design con però qualche eccezione rispetto le linee guida fornite da Google.

Il lavoro condotto dagli sviluppatori non stravolge l’ambiente di chat bensì offre un’upgrade delle schermate conosciute garantendo familiarità durante l’utilizzo e la navigazione, ovviamente con i dovuti miglioramenti non solo estetici ma anche illustrativi – intendendo animazioni e visualizzazioni di schermata – che incrementano i colpi d’occhio. Partendo dal main screen con le schede è possibile ammirare lo stile flat con le variazioni nella barra superiore di alcune icone in base alla schermata scelta, ottimizzando il fattore smart dell’app di messaggistica, oltre alla classica sfumatura della barra delle notifiche in pieno stile Lollipop. La colorazione verde, classica del brand acquistato da Facebook, muta verso una versione più scura sfruttando i principi ottici che intravedono in questo colore un minor affaticamento dell’occhio pur dopo lunghe osservazioni – medesimo principio che definisce i parametri del vestiario e degli ambienti chirurgici – variando solo in alcune occasioni come l’accesso ai contatti per i quali le singole schede assumono una variante cromatica tendente al marrone con l’estensione di foto.

Una delle novità più importanti riguarda invece la finestra di conversazione nella quale varia la forma dei singoli messaggi e soprattutto dell’area d’inserimento con l’inserimento di un circle button le cui actions – ovvero le azioni possibili tra quelle messe a disposizione dal servizio di messaggistica istantanea – variano in base all’azione dell’utente. Abolita l’icona per l’inserimento immediato di foto, resta esclusivamente l’azione per i messaggi vocali mentre l’inserimento di testo va eseguito tappando direttamente sulla barra di testo contraddistinta da un invito in inglese – unico elemento non tradotto in tutta l’app – “Type a message”. Ben più interessante l’area di condivisione, rimasta immutata nel posizionamento e nell’icona, con una rivisitazione della finestra di scelta delle opzioni ben definite da apposite icone che faciliteranno la scelta anche agli utenti meno intuitivi.

Come accennato all’inizio non tutto ciò che risulta essere proprio dello stile Material Design è stato rispettato dimostrando la volontà, tipica dei servizi proprietari Facebook, di voler modificare l’omogeneizzazione imposta da GoogleInstagram ne è un esempio, spingendo alla nascita di servizi come Holofication Nation – e non a caso manca il classico tasto FAB forse più intuitivo per la creazione di nuovi messaggi o nuove conversazioni. Il risultato, dopo una lunga attesa, risulta essere piacevole ed importante nell’equilibrio dei servizi di messaggistica istantanea ponendo un ulteriore distacco, se mai ce ne fosse stato bisogno, rispetto i competitors come Telegram e WeChat.

WhatsApp Material Design è attualmente scaricabile tramite il sito ufficiale, attraverso il file “.apk” da installare manualmente – seguite la procedura per app con origini sconosciute – senza rischi o problematiche. In alternativa potete attendere il rilascio della release tramite il Google Play Store verificando eventuali aggiornamenti dalla scheda app:applink-googleplaystore